Senza fili, ma con il mal di testa. E insonnia, dolori muscolari, nausea. Questi i sintomi accusati da alcuni dipendenti delle biblioteche municipali parigine, soprattutto quelli che lavorano nei pressi delle centraline Wi-Fi.

Bari
09:30 del 21/12/2016
Scritto da Sasha

Senza fili, ma con il mal di testa. E insonnia, dolori muscolari, nausea. Questi i sintomi accusati da alcuni dipendenti delle biblioteche municipali parigine, soprattutto quelli che lavorano nei pressi delle centraline Wi-Fi.

Il personale è sostenuto da due associazioni ecologiste che si battono contro le antenne della telefonia mobile e oggi se la prendono con il Wi-Fi. «Siamo sul terreno dell’invisibile (le onde) e dobbiamo raccogliere elementi razionali», commenta l’amministrazione parigina, che evoca «un malessere sociale» e la necessità d’ascoltare l’opinione pubblica. Così l’assemblea municipale ha deciso prima di interrompere il servizio in sei biblioteche, poi ha esteso in via precauzionale la moratoria alle altre. Ora il wireless pubblico è sospeso in tutti i locali chiusi della capitale francese, mentre è ancora disponibile all’aperto, dove si ritiene che i rischi siano minori.

Oggi siamo letteralmente dipendenti da internet ed in particolare dalla rivoluzione della connessione WiFi, senza fili, grazie alla quale è possibile collegarsi in rete in qualunque angolo della casa e perfino in strada.

Nonostante i produttori di router wireless debbano rispettare specifiche norme per tutelare la salute degli utenti, ad oggi non si ha ancora la certezza rispetto alle conseguenze che questa tecnologia riserva al nostro organismo.

Basta chiedersi, per avere un’idea di cosa stiamo parlando, in che modo i dispositivi come smartphone, tablet e computer interagiscono con il router. Ovviamente è noto: ciò avviene attraverso la trasmissione di segnali WLAN (onde elettromagnetiche).

In altre parole, siamo circondati da onde elettromagnetiche provenienti da ogni dove – e ciò non può che influire sul nostro corpo. Secondo uno studio condotto dalla British Health Agency, i router senza fili hanno un impatto negativo sulla crescita dell’essere umano e sulla vegetazione.


Le conseguenze dell’esposizione al WiFi

scarsa capacità di concentrarsi
disturbi del sonno
mal di testa cronico
disturbi all’udito
stanchezza cronica

Le nuove tecnologie hanno un ruolo fondamentale nelle nostre vite, dunque sconsigliare l’utilizzo delle connessioni e dei dispositivi wireless risulta alquanto anacronistico e fuori dalla realtà attuale. Proprio per questo motivo, ciò che resta da fare è prendere qualche precauzione per ridurre il danno subito dal nostro corpo.

A casa non posizioniamo il router nella camera da letto o in cucina, essendo queste le stanze in cui si trascorre gran parte del tempo all’interno di un’abitazione. Quando non in uso, semplicemente spegniamo il router: in questo modo evitiamo di esporre noi e la nostra famiglia ad inutili onde elettromagnetiche. Inoltre, se a casa utilizzate un solo computer per navigare in internet, spegnete la funzione WiFi e collegate il router al pc attraverso un cavo. Infine, prima di andare a dormire scollegate tutti i dispositivi wireless.


Articolo letto: 631 volte
Categorie: , Denunce, Salute


Domanda Rank Italia
Dai una tua valutazione sulla pericolosità del wifi
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Manuel

21/12/2016 11:11:45
Sapete xchè dicono che ci sia possibilità che faccia male? xchè ci si può collegare facilmente senza pagare....
8

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook