VERIFICARE CODICE DI MIGRAZIONE - Probabilmente ne avete già sentito parlare ma non avete mai approfondito la cosa.

Roma
18:00 del 08/02/2017
Scritto da Alberto

VERIFICARE CODICE DI MIGRAZIONE -Probabilmente ne avete già sentito parlare ma non avete mai approfondito la cosa. Il codice di migrazione è un codice che i provider utilizzano per semplificare la procedura di passaggio da un operatore ad un altro, la cosiddetta “portabilità”, introdotto dopo la delibera 4/99/CIR dell’AGCOM. E’ di tipo alfanumerico e può avere un numero di caratteri che varia da 7 a 18. Ogni codice di migrazione, quindi, identifica una linea fissa ben precisa: vale soltanto per un abbonamento e non può essere identico a quello di un altro numero.

VERIFICARE CODICE DI MIGRAZIONE -Questo sistema permette non soltanto una maggiore semplicità nel passaggio da un servizio ad un altro, ma evita situazioni spiacevoli per un utente, come ad esempio il passaggio non richiesto ad un altro operatore. In certi casi abbiamo due differenti codici di migrazione, uno per la fonia e uno per la connessione ADSL, mentre in altri possono coincidere. Da tenere a mente che gli operatori telefonici sono obbligati a comunicare il codice di migrazione entro 24 ore dalla richiesta da parte del cliente

Trovare codice migrazione

VERIFICARE CODICE DI MIGRAZIONE -A prescindere dal tuo gestore di telefonia fissa attuale, puoi trovare il codice di migrazione direttamente sulla bolletta. Si tratta di un codice di tipo alfanumerico costituito da 7-18 caratteri ed è composto da 4 parti diverse, quelle che trovi indicante in dettaglio qui di seguito.

COW – È la prima parte del codice di migrazione e contiene i primi tre caratteri ed identificano l’operatore di telefonia. Ogni operatore ha il suo codice univoco assegnato da AGCOM.

COR – È la seconda parte del codice di migrazione e può variare tra gli 8 e i 12 caratteri. Di solito è l’equivalente del numero telefonico o comunque è l’identificativo della linea.

COS – È la terza parte del codice di migrazione e serve ad identificare l’attuale tecnologia di accesso alla rete internet. Ad esempio, se VOIP o analogica, se ADSL o fibra ottica, se ULL o WLR. E’ composto da tre cifre e può assumere i valori da 001 a 017, oppure 222 o 999.

Codice di controllo – È l’ultima del codice di migrazione e solitamente è una lettera. Serve per verificare che il codice fornito sia formalmente corretto.

Un esempio di codice di migrazione è M9W0112345678001M dove M9W corrisponde al COW, 0112345678 identifica il COR, 001 indica il COS mentre la lettera M rappresenta il codice di controllo.

Ciascun operatore appone in un punto diverso del conto telefonico il codice di migrazione assegnato al singolo cliente. Solitamente è visibile al primo colpo d’occhio (anche perchè è accompagnato dalla dicitura, appunto, Codice di migrazione) ma se non riesci a trovarlo puoi attenerti alle seguenti indicazioni per singolo operatore.

TIM – Viene etichettato come Codice segreto e generalmente è stampato subito sotto i dati dell’intestatario della fattura, per l’esattezza sotto il codice fiscale dell’intestatario della linea. Per ulteriori dettagli, puoi fare clic qui per consultare l’apposita pagina Web informativa annessa al sito Internet di Sos tariffe.

Infostrada – Generalmente viene inserito nella sezione Telefono e Internet alla destra del numero di telefono. Per ulteriori dettagli, puoi fare clic qui per consultare l’apposita pagina Web informativa annessa al sito Internet di Sos tariffe.

Vodafone – Generalmente viene inserito ad inizio conto, nel box di riepilogo dei dati identificativi della linea, quali il numero di telefono e l’identificativo linea ADSL o fibra. Per ulteriori dettagli, puoi fare clic qui per consultare l’apposita pagina Web informativa annessa al sito Internet di Sos tariffe.

Fastweb – Generalmente viene inserito nell’apposito box Dati, presente ad inizio bolletta sulla sinistra. Per ulteriori dettagli, puoi fare clic qui per consultare l’apposita pagina Web informativa annessa al sito Internet di Sos tariffe.

Tiscali – Come nel caso di Fastweb, generalmente viene inserito in un box apposito del conto telefonico. Per ulteriori dettagli, puoi fare clic qui per consultare l’apposita pagina Web informativa annessa al sito Internet di Sos tariffe.

Non hai l’ultima bolletta telefonica a portata di mano? Nessun problema, anche in tal caso puoi riuscire a reperire il codice di migrazione. Come si fa? Semplice: se hai accesso all’area clienti online del tuo operatore puoi recuperarlo direttamente e comodamente da li!

In alternativa, puoi metterti in contatto con il servizio clienti del tuo gestore e fare esplicita richiesta del codice all’operatore con cui ti ritroverai a parlare. Il tuo gestore sarà tenuto a fornirti il codice di migrazione in un arco di tempo massimo pari a 24 ore ma se non sussistono problemi particolari ti verrà fornito all’istante. Se ti occorre, qui di seguito trovi i numeri di telefono per contattare tutti i principali gestori telefonici italiani.

TIM – 187.

Infostrada – 155.

Fastweb – 192193.

Vodafone – 190.

Tiscali – 130.

Verificare codice migrazione

Sos Tariffe

Ora che hai finalmente capito come fare per poter recuperare il codice di migrazione, direi che possiamo finalmente passare all’azione vera e propria. Andiamo dunque a scoprire come verificare l’effettiva correttezza di questo codice! Per fare ciò, puoi affidarti ad alcuni appositi servizi Web. In primo luogo ti suggerisco di usare l’apposito tool online reso disponibile dal summenzionato Sos Tariffe, il famoso sito italiano per la comparazione delle tariffe ADSL (ma non solo).

Per servirtene, clicca qui dopodiché compila il campo Codice Migrazione digitando il codice di migrazione in tuo possesso. Successivamente seleziona l’operatore di telefonia fissa verso il quale è tua intenzione migrare dal menu a tendina Scegli il nuovo operatore e poi fai clic sul bottone Verifica che trovi sulla destra.

Una volta fatto ciò, ti verrà mostrata una nuova pagina Web indicante il fatto che il codice inserito è corretto oppure no. Se il codice è corretto, sari inoltre reindirizzato alla pagina Web del sito Internet del nuovo gestore da te precedentemente indicato tramite la quale potrai subito sottoscrivere un nuovo contratto e fare richiesta di trasferimento della tua linea. Semplice, non ti pare?CodiceMigrazione.com

Oltre che tramite il tool offerto da Sos tariffe, puoi verificare codice migrazione anche rivolgendo al servizio Web CodiceMigrazione.com. Anche in tal caso, si tratta di uno strumento online molto semplice da utilizzare.

Per servirtene, clicca qui e compla il campo che trovi sotto la dicitura Inserisci il codice di migrazione con il codice di migrazione relativo alla tua linea telefonica. Successivamente seleziona l’operatore verso il quale vuoi migrare apponendo un segno di spunta in corrispondenza del nome dello stesso e poi fai clic sul pulsante Verifica.

Nel giro di qualche istante ti verrà mostrato una nuova pagina Web indicate l’effettiva correttezza o meno del codice di migrazione indicato. Se il codice risulta essere corretto, ti verrà inoltre specificato l’operatore d’appartenenza ed il servizio tecnico al quale risulta essere associato e ti verrà onore mostrata la home del sito Internet dell’oratore verso il quale hai specificato di voler migrare in modo tale da poter subito sottoscrivere un’offerta per effettuare il passaggio.

Usare codice migrazione

In sostanza, tutto ciò che devi fare altro non è che metterti in contatto con il nuovo gestore, scegliere l’offerta che intendi attivare, fornire i tuoi dati e, appunto, il codice di migrazione. Successivamente dovrai stampare, compilare e rispedire i moduli che ti sono stati inviati da parte del nuovo provider ed attendere alcuni giorni affinché la procedura di migrazione della linea venga effettivamente avviata e portata a termine.

Tieni poi presente che quasi sicuramente ti ritroverai a dover sostenere dei costi di disattivazione e che dovrai anche provvedere a restituire tutte le apparecchiature (modem, decoder, telefoni e quant’altro) eventualmente ricevute in comodato d’uso o a noleggio.


Articolo letto: 328 volte
Categorie: , Guide, Informatica, Internet


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Paolo

09/02/2017 16:57:52
Basta pensare che possiamo oggi con il nuovo codice di migrazione . può essere utilizzato dagli operatori di telefonia fissa e di accesso internet.esempio Cow, Cor, Cos,
6

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook