Unioni civili, si del Senato: asse Pd-M5s. Al Senato approvato il teso base sulle unioni civili.

Roma
09:50 del 27/03/2015
Scritto da Gerardo

Il titolo secondo del testo adottato riconosce alle convivenze di fatto che non intendano accedere ad un istituto giuridico - eterosessuali od omosessuali che siano - alcuni diritti di base già riconosciuti dalla giurisprudenza (subentro nel contratto d'affitto, assistenza in ospedale, mantenimento temporaneo dell'ex partner in difficoltà) e la possibilità di regolare i rapporti patrimoniali attraverso contratti di convivenza di fronte a un notaio.

Plaude il via libera Emanuele Fiano (Pd), che con un tweet esulta: "Al Senato, approvato in Commissione Giustizia il testo base Cirinnà sulle Unioni civili. La volta buona". Ora si apre dunque uno spiraglio per il riconoscimento delle coppie omosessuali. Dopo trenta anni dalla prima proposta avanzata da Arcigay nel 1985, con il testo base oggi inizia l'iter parlamentare che potrebbe portare l'Italia al passo con l'Europa. Di seguito, i punti principali del provvedimento.

Adozioni. Estende alle unioni civili la cosiddetta Stepchild Adoption, ossia l'adozione del bambino che vive in una coppia dello stesso sesso, ma che è figlio biologico di uno solo dei due, prevista dall'articolo 44 della legge sulle adozioni. Entrambi non modificano il testo sulla fecondazione assistita. Costituzione unione civile. Si sottoscrive di fronte a un ufficiale di Stato civile, alla presenza di due testimoni e viene iscritta in un registro comunale. E' certificata da un documento che attesti la costituzione dell'unione e che deve contenere: dati anagrafici; regime patrimoniale; residenza. Si può scegliere uno dei due cognomi o decidere di adottare entrambi i cognomi.

Cause impeditive. Non potrà essere realizzata l'unione civile se una delle parti: è ancora sposato; è un minore, salvo apposita autorizzazione; ha un'interdizione per infermità mentale; ha un legame di parentela; è stata condannata per omicidio consumato o tentato sul coniuge dell'altra. Regime giuridico. Per quanto riguarda il regime giuridico nelle unioni civili ovvero diritti e doveri reciproci, figli, residenza, concorso negli oneri, abusi familiari, interdizione, scioglimento dell'unione si applicano gli articoli del codice civile.


Reciproca assistenza. Nell'unione civile sono riconosciuti alla coppia diritti di assistenza sanitaria, carceraria, unione o separazione dei beni, subentro nel contratto d'affitto, reversibilità della pensione e i doveri previsti per le coppie sposate. Convivenze di fatto. Riconosce alcuni diritti base, alle coppie etero e omosessuali, già riconosciuti dalla giurisprudenza (subentro nel contratto d'affitto, assistenza in ospedale, mantenimento temporaneo dell'ex partner in difficoltà) e la possibilità di regolare i rapporti patrimoniali attraverso contratti di convivenza di fronte a un notaio.


Articolo letto: 486 volte
Categorie: Politica


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi delle unioni civili?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Carmine

28/03/2015 06:44:33
Ma se persone dello stesso sesso si sposano, ovvero acquisiscono qualche diritto basilare, successorio, di accudimento in casa di malattia, COSA VI CAMBIA. Cosa direste se qualcuno entrasse nella vostra intimità dicendovi cosa avete il diritto di fare e cosa no? Riflettete
5

Noemi

27/03/2015 17:34:33
Questa oramai é diventata la politica del minor danno della chiesa cattolica, che sa perfettamente di combattere una battaglia persa, anche perché la nostra arretrata inciviltà é condivisa solo con i greci che per altri versi stanno peggio di noi. Così facendo, si cade dalla negazione di diritti per gli omosex, alla negazione di diritti per gli etero, facendo però meno scontenta la chiesa che cerca di tenersi stretta almeno la famiglia, cercando quindi di garantire certi diritti solo agli sposati.
5

Alberto

27/03/2015 13:37:55
So che Dio impiegò 7 giorni di lavoro per fare il mondo.Era Dio,ma qualche tempo ci volle anche per Lui.Non si può dire che il governo sia stato con le mani in mano,visto che il parlamento per la verità è ingolfato di provvedimenti.Tempo stretto,anche per la presenza in parlamento,di perditempo vari,più portati al salto in alto,in lungo,con l'asta ecc. che a produrre qualcosa di buono.
10

Gerardo

27/03/2015 10:44:46
Nella solita logica dove si buttano i cani per l'aia, facendo la solita italica caciara, per poi non concludere niente, appare chiaro ormai da un pò di tempo, che l'orientamento di molti deputati e alcuni partiti, é quello di riconoscere alcuni diritti civili solo agli omosex, negandoli al resto della popolazione, così come il contrario per altre cose, vedi adozioni vietate ai gay ecc.
3

Ricerche correlate

Unioni civili - Omosessuali - Gay - Leggi - Norme - Renzi - Senato - Politica -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook