Queste idiote non sanno neppure cosa ci fanno al mondo,se le meritano tutte quando a breve imperverserà la sharia,le frustate,i burka,sempre chiuse in casa e le lapidazioni

Firenze
11:13 del 23/11/2016
Scritto da Luca

Queste idiote non sanno neppure cosa ci fanno al mondo,se le meritano tutte quando a breve imperverserà la sharia,le frustate,i burka,sempre chiuse in casa e le lapidazioni

Quali maschi poi ? In Italia sono due generazioni che non esistono più maschi( è si vede da come si involve la società) e per cio alzate la voce , ormai vi state avviando alla partenogenesi e all'ermafroditismo , senza il vero uomo , voi donne diventerete ancor peggio di ciò che siete adesso.

Al punto da paventare l'esclusione del Maschio dal corteo che si terrà sabato a Roma dietro lo striscione «Non una di meno».

Un'animatrice del gruppo «Se non ora quando Factory» spiega il no alla presenza maschile: «Con gli uomini si va a spasso, in viaggio, si fanno altre cose, ma a manifestare contro la violenza maschile si va solo con le donne». Alla fine si è raggiunto un compromesso: sì agli uomini purché restino in coda. Alla testa del corteo sfileranno esclusivamente le donne. Avete capito bene, quello che vi raccontiamo non è uno scherzo. Le fautrici della mobilitazione anti-violenza propugnano il segregazionismo di genere. Sei maschio? La piazza ti è inibita. Puoi essere il più dolce e mansueto dei mariti ma la circostanza del tutto casuale di esser nato maschio impone lo stigma di potenziale femminicida.


È così che il femminismo più retrivo cessa di essere affermazione emancipatoria della parità tra i sessi per rinchiudersi invece in una gretta rivendicazione della differenza tutta femminile, della nostra specificità come portatrici sane di vagina, donne-paladine-delle-donne, e in quanto tali dualisticamente contrapposte all'essere umano di fallo dotato. Femmine contro maschi, che noia. E dire che alcune grandi conquiste femminili si devono proprio a loro, pensate soltanto al socialista Loris Fortuna, la legge sul divorzio porta il nome suo e del liberale Baslini, due uomini. C'è poi un malinteso sostanziale. Il femminicidio dobbiamo dirlo noi donne per prime, tutte insieme, ad alta voce il femminicidio non esiste.

Esiste l'assassinio che è sempre, in ogni caso, in ogni tempo, in ogni luogo, un atto abietto. Sull'onda di una martellante campagna mediatica fondata sull'emotività, il governo Letta introdusse le aggravanti stabilendo per legge che uccidere una donna sia più grave che uccidere un uomo.

Eppure la vita umana ha pari dignità. Io vorrei vivere in un mondo dove nessun maschio rifiutato osi impugnare un coltello per squartare il petto della ex compagna, e vorrei pure non leggere notizie di mariti ammazzati, testicoli amputati, avvelenamenti a scopo ereditario o altre mostruosità commesse da talune donne.

La sopraffazione femminile sul maschio esiste, e si esprime non solo sul piano fisico. Per giunta, a causa di una forma di pudore molto latino, c'è una maggiore ritrosia degli uomini a denunciare le compagne moleste.

L'emergenza femminicida è una invenzione, anzi è l'ennesima riprova della «post truth society» nella quale viviamo. Non conta la verità, contano le emozioni.

Secondo l'Istat, gli omicidi nel nostro Paese sono in calo dagli inizi degli anni '90, e lo scorso anno si sono verificati 128 casi di femminicidio, 136 nel 2014, 179 nel 2013. Con queste cifre, in un trend decrescente, in un Paese di circa 60 milioni di abitanti, con quasi 94 maschi ogni 100 femmine, si può forse parlare di «emergenza femminicidio»? O di «epidemia femminicida»? I suicidi nelle carceri italiane sono stati quasi mille negli ultimi quindici anni, eppure non godono di un risalto mediatico paragonabile. Anzi non fanno notizia. Perché noi produttori di notizie, i mass media, insieme a qualche donna che ha voluto dare un senso alla propria (inaspettata) carriera politica, abbiamo deciso che l'Italia è un Paese di femminicidi e molestatori seriali. La mistificazione della realtà però ha un limite. Calm down.


Articolo letto: 295 volte
Categorie: Denunce, Sociale


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi delle femministe?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Marco

23/11/2016 11:25:01
Il "femminicidio", parola che vuole inculcare nei cervelli il concetto dell' "assassino che ti dorme accanto" e del "maschio (ma solo quello occidentale) violento per natura che ha sempre oppresso le donne" è una delle più vergognose balle ideologiche inventate per destabilizzare la famiglia naturale. Le cifre vere sulla violenza contro le donne illustrano ben altra realtà e sarebbe ora di cominciare a denunciare penalmente questo vero e proprio raggiro contro la credulità popolare, cominciando dai media di regime. E' ora di finirla col radical-femminismo (costruito a tavolino) e con le ideologie laiciste che hanno infettato e destabilizzato l'intero Occidente.
5

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook