Trattenere le flatulenze non fa poi così tanto bene,anche se non farlo provoca disagio specie se in presenza di altre persone.

Bari
08:00 del 31/07/2017
Scritto da Luca

Trattenere le flatulenze non fa poi così tanto bene,anche se non farlo provoca disagio specie se in presenza di altre persone.
Appena ci si accorge della formazione di una flatulenza è meglio appartarsi subito e lasciarla andare anzichè trattenerla.

La flatulenza è la produzione di una miscela di gas formata da aria ingerita o da gas prodotti dai batteri simbiotici e dai lieviti che vivono nel tratto gastrointestinale, aggiunta a delle particelle aerosolizzate di feci, che viene rilasciata sotto pressione. Come ben sappiamo essa è genericamente associata a un caratteristico suono e ad un odore sgradevole.

Le flatulenze sono solitamente provocate da cibi ricchi di carboidrati, come fagioli, ceci, latte, cipolle, patate dolci, scorze di agrumi, formaggio, castagne, anacardi, broccoli, cavoli, carciofi, avena, lievito presente nel pane, ecc. Esse possono anche essere causate da eccessivo stress.

L’emissione di flatulenze è un importante segnale di normale attività intestinale e non deve essere fonte di vergogna, anche se, nella società occidentale odierna, emetterle liberamente flatulenze in pubblico è considerato maleducato. Trattenerle invece provoca  un accumulo della pressione dei gas nell’intestino. Per i soggetti che producono molte flatulenze per via di problemi di salute o altro, trattenerne molte può provocare una distensione patologica dell’intestino che può condurre addirittura alla stipsi.

Dar sfogo a questa funzione corporea del tutto naturale invece, provoca benessere ed inoltre rivela importanti informazioni sul nostro organismo.


Espellere le flatulenze contribuisce innanzitutto alla riduzione del gonfiore della pancia, che solitamente accade, subito dopo un pranzo o una cena eccessivamente pesante. In questo caso, il nostro organismo blocca i liquidi in eccesso come ad esempio l’acqua, e l’intestino di conseguenza produce gas in eccesso, che vanno subito espulsi, così che lo stomaco possa rilassarsi e sgonfiare subito dopo, dando all’organismo una sensazione di giovamento. Se si dovessero invece trattenere costantemente evitando così l’espulsione, si potrebbe modificare la normale attività intestinale, avendo successivamente forti crampi dolorosi, dovuti alle bolle d’aria nel tratto intestinale.

Le flatulenze inoltre  possono essere un segnale di allarme per diversi problemi di salute. Se ad esempio notiamo un odore molto forte della nostra flatulenza, questo può essere segno di un problema intestinale o di un altro malessere corporeo,  quindi sarebbe meglio andare a parlare con un medico. Ad esempio  troppa carne rossa può causare un cattivo odore e può essere un indicatore che si dovrebbe diminuire questo alimento.

Inoltre la frequenza con cui si emettono flatulenze indica cosa manca alla nostra dieta. Ad esempio se si emettono raramente, la dieta è probabilmente carente di fibre, e andrebbe integrata con cereali integrali, verdure verdi e lenticchie.
Infatti spesso le persone che mangiano sano assumono più alimenti ricchi di fibre, verdure e frutta maggiori. Tali alimenti stimolano la digestione, permettono ai batteri intestinali di lavorare di più, facendo lavorare meglio e di più il nostro apparato digerente, il ché può portare a una maggiore produzione di gas.

Da: QUI


Articolo letto: 234 volte
Categorie: , Curiosità, Salute, Scienze


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook