Prendiamola come occasione, i sindaci di quei comuni "nemici" appendano il cartello avvertendo che gli immigrati da tal data saranno sulle strade grazie a Renzi.

Rieti
06:20 del 16/10/2016
Scritto da Carmine

Prendiamola come occasione, i sindaci di quei comuni "nemici" appendano il cartello avvertendo che gli immigrati da tal data saranno sulle strade grazie a Renzi. Così se prima erano nemici ora i comunisti li in quei comuni non ci entreranno nemmeno, disintossichiamo questa italia dal batterio comunista

Non si può andare avanti cosi, il buffone gonfiato dittatorio deve essere fermato, possibile che nessuno si ribella in itaglia!!!

Secondo quanto riportato dal Giornale.it, il sospetto è quello di una «esclusione politica». L’ultima bozza del decreto terremoto, in attesa di essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, contiene un allegato di Comuni del cratere sismico per i quali è previsto un risarcimento al 100% dei danni subiti da privati, imprese ed enti.

L’elenco comprende, ovviamente, i centri più colpiti dall’evento del 24 agosto come Amatrice, Accumoli e Arquata del Tronto ma ne esclude alcuni appartenenti, soprattutto, alle province di Fermo, Macerata e Ascoli Piceno.

A denunciare il fatto è stato il gruppo al Senato di Forza Italia a nome del quale si è espresso il senatore Remigio Ceroni. «L’elenco è incompleto e crea una discriminazione: ad esempio, ne mancano ben trentotto del Fermano ove si sono registrati numerosi danni», afferma l’esponente azzurro. L’idea che possa trattarsi di una penalizzazione politica decisa a tavolino da Roma ha un fondamento: ad Ascoli, Fermo e anche a Macerata il centrodestra è molto forte. «Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, quando è venuto da queste parti a comiziare – racconta Ceroni – ha detto che tutti i danni saranno riparati, non mi pare che questo provvedimento vada in questa direzione. Perché sono stati tenuti fuori i Comuni di centrodestra?».


E non è sicuramente governato dalla sinistra Camerino, in provincia di Macerata, dove ieri si è suicidato, impiccandosi in casa, un edicolante di 31 anni, Adriano Pieretti. Era titolare dell’edicola davanti alle scuole che sono rimaste chiuse a causa del sisma. Al calo delle vendite si sono aggiunti anche i problemi della fidanzata convivente il cui negozio di estetista è chiuso sempre a causa del sisma. Tre giorni fa Pieretti ha sfogato su Facebook la propria indignazione dopo aver appreso dell’esclusione di Camerino dal cratere sismico. «Che dire… ho la ragazza che dal 24 agosto non lavora, per il negozio distrutto, con un mutuo dietro. E sti pagliacci ci hanno messo fuori… è proprio un’Italia di merda», aveva scritto prima di decidere di togliersi la vita.

«La risposta dei sindaci sarà adeguata perché comportamenti di questo tipo non possono restare senza repliche», ha sottolineato Ceroni, che è anche primo cittadino del piccolo Comune di Rapagnano (ovviamente escluso). «Ci sono persone che vivono nelle residenze per anziani perché le loro case sono inagibili, molti hanno subito danni eppure ci hanno dimenticati», aggiunge puntando il dito contro il commissario alla ricostruzione Vasco Errani e, ovviamente, contro il premier Matteo Renzi. Oltre a Camerino e Rapagnano vi sono altri Comuni esclusi come Tolentino, Treia, Montegiorgio e la stessa Ascoli del sindaco forzista Guido Castelli. «Non chiediamo né un euro in più né un euro in meno rispetto a quanto stanziato, ma chiediamo che siano le Regioni, nel nostro caso le Marche, a valutare con una commissione caso per caso chi debba ricevere un aiuto perché ha subito dei danni».

Per il Pd ha replicato il deputato Luciano Agostini ricordando che il decreto prevede il 100% di risarcimento nei Comuni fuori dal cratere per tutte le prime case e per le seconde nei centri storici e nei borghi di pregio. Per le seconde case il 50 per cento. Ceroni, quindi, non ha tutti i torti.


Articolo letto: 579 volte
Categorie: Cronaca, Denunce


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi del terremoto di Amatrice?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Gerolamo

16/10/2016 07:49:19
ho sempre detto che il BISCHERO è UN DITTATORE infatti ne e la dimostrazione se non sei amico o parli male (perché effettivamente amministra molto male vedi le BANCHE)diventa suscettibile e ti volta la faccia che è di Tolla questo è il nostro presidente voluto dal nostro EMERITO e dai poteri forti. SE CE GIUSTIZIA SPERO CHE UN GIORNO ANCHE LORO PAGHINO LE MALEFATTE FATTE AD UN PAESE CHE MERITA TUTT'ALTRO.
5

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook