Termosifoni spenti nell’asilo a Potenza: bambini nel freddo più totale | L’analisi di Italiano Sveglia

Potenza
10:45 del 08/01/2015
Scritto da Gerardo

Come dobbiamo chiamare uno Stato che non si prende cura nemmeno dei propri bambini, se non uno Stato-ladro? La situazione del nostro paese davvero ci rabbrividisce e ciò che sosteniamo da tempo, ovvero di scappare da questo maledetto paese, oggi più che mai ha un senso. Ecco la notizia da Potenza.

Termosifoni spenti e bambini al freddo. Da giorni i genitori dei piccoli dell’asilo nido di via delle Acacie a Potenza lottano con il Comune per trovare una soluzione. Dal 28 dicembre scorso la struttura che accoglie bambini dai 3 mesi ai 3 anni è al gelo nell’indifferenza di tutti.

Il riscaldamento è assente e tanti genitori sono costretti a cercare alternative per evitare di lasciare i bimbi al freddo. Più di qualche mamma ha deciso di investire della vicenda anche alcuni consiglieri comunali. Un modo per provare ad accelerare i tempi. “Tanti genitori - spiegano - ogni mattina si trovano a cercare un alternativa per evitare di lasciare i bambini al freddo. Il Comune attraverso l’ufficio dell edilizia scolastica prima ha risposto che non ci sono fondi per reperire un pezzo di ricambio alla caldaia e poi, dopo varie sollecitazioni da parte di tante mamme e papà ha cambiato rotta dicendo che verranno reperite le risorse ma ci vorranno alcuni giorni”.


Articolo letto: 1086 volte
Categorie: Cronaca


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Cronaca Potenza -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook