Smartphone vietati a scuola: ecco il preside che li trova con il rilevatore. Probabilmente sarà il preside più odiato e allo stesso tempo più amato d’Italia

Crotone
12:00 del 24/04/2015
Scritto da Gerardo

Probabilmente sarà il preside più odiato e allo stesso tempo più amato d’Italia. A seconda se questa storia la si guarda dalla prospettiva degli studenti o dei genitori. Stefan Keim, preside di una scuola del Trentino Alto Adige, si è trasformato in una sorta di Acchiappa-Smartphone. Come scrive Skuola.net, ha applicato in Maniera davvero determinata una direttiva dell’Intendenza scolastica dell’Alto Adige che proibisce l’uso dei cellulari a scuola. Si è infatti messo a girare nei corridoi e nelle classi con un rilevatore di onde ad alta frequenza che segnala i cellulari accesi. "L’avevo comprato quando è nata la mia prima figlia - dice a Repubblica - per vedere se in casa ci fossero onde magnetiche pericolose”. E le punizioni sono severe: per chi viene colto due volte con il telefono in mano, sono previste note sul registro. Alla terza c’è la sospensione.

Ma perché oggi i ragazzi sono diventati così dipendenti dagli smartphone? “Il problema principale è che devi essere sempre in rete – dice Keim - devi essere pronto a rispondere immediatamente a qualsiasi messaggio, anche se è solo un ‘ciao’. Soltanto così sei accettato dal gruppo virtuale e non ti senti escluso. Per questo ho deciso di intervenire, non solo con i divieti ma cercando il consenso”. Keim avrebbe voluto questa Politica sin dal primo giorno di scuola, “ma non era pronto l’armadio chiesto al Comune, dove pensavamo di mettere in deposito i cellulari, una cassetta per classe. Abbiamo iniziato ai primi di novembre e ci sono stati problemi. Per ritirare 187 cellulari servono molti minuti e gli alunni rischiavano di perdere l’autobus. E così abbiamo detto: lasciate i cellulari a casa. Se proprio non potete, metteteli nell’armadio. Terza soluzione: portateli in classe ma spenti e nascosti nello zainetto. Se sono visibili, scatta la sanzione”.


Articolo letto: 657 volte
Categorie: Esteri, Tecnologia


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Vittorio

24/04/2015 13:48:05
anche quando si guida sono vietati.Sapeste quanti ne vedo quando vado a passeggio ( per la cronaca io sono una mosca bianca: non ho cellulare). Anzi, adesso non solo chi guida ma anche chi va in bicicletta e, ultimamente , ci si comincia a lamentare anche dei pedoni che, ovviamente, si distraggono e pericolosamente, alla stessa maniera.
Giusto che a scuola non si usino durante la lezione. Ci sara' pure un regolamento e vedrei di "sanzionare" solo chi trasgredisce e non tutti, gli onesti copmpresi ( se ve ne sono). Ma che si sia cosi' attivati contro gli studenti e poi, per strada , vedere quel che si vede..................................................
3

Ricerche correlate

Smartphone - Mobile - Telefonia - Scuola - Istruzione -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook