Beh. Se siete rimasti in città, il titolo migliore della settimana è Hereditary, opera prima, scritta e diretta da Ari Aster, notevolissimo horror d’autore dominato dalla performance strepitosa di Toni Colette, che ha sbancato in America, 79 milioni di dollari di incasso con 10 milioni di budget, e che riesce a non farti capir nulla più o meno fino alla fine.

Bologna
07:00 del 08/08/2018
Scritto da Gregorio

IL CINEMA DEI GIUSTI - SE SIETE RIMASTI IN CITTÀ, IL TITOLO MIGLIORE DELLA SETTIMANA È 'HEREDITARY', NOTEVOLISSIMO HORROR D'AUTORE DOMINATO DALLA PERFORMANCE STREPITOSA DI TONY COLLETTE, CHE HA SBANCATO IN AMERICA, 79 MILIONI DI INCASSO CON 10 MILIONI DI BUDGET, E CHE RIESCE A NON FARTI CAPIR NULLA PIÙ O MENO FINO ALLA FINE

Se siete rimasti in città, il titolo migliore della settimana è Hereditary, opera prima, scritta e diretta da Ari Aster, notevolissimo horror d’autore dominato dalla performance strepitosa di Toni Colette, che ha sbancato in America, 79 milioni di dollari di incasso con 10 milioni di budget, e che riesce a non farti capir nulla più o meno fino alla fine.


Muore la nonna Ellen, in odore non poco di stregoneria, e questo provoca una serie di spaventosi incidenti all’interno della famiglia Graham che sembrava vivere tranquillamente in una casa di legno nei pressi di Salt Lake City.

La mamma Annie, Toni Colette, artista che costruisce delle strepitose doll’s house di legno, dove ricostruisce miniature di situazioni che vive, sa dei misteri della nonna molto forse più di quello che mostra di sapere. Cerca come può di proteggere la sua famiglia, il figlio sedicenne Steve, Alex Wolff, studentello bombatissimo, e la figlioletta tredicenne Charlie, Milly Shapiro, brutta, complessata e molto legata alla nonna, il marito, Gabriel Byrne, apparentemente assente.

Ma qualcuno ha profanato la tomba della morta e iniziano apparizioni e strani fenomeni che rendono la loro dimora la tipica casa stregata. Di più è meglio non dire, ma state attenti ai molti indizi che il regista lascia ovunque. Di grande effetto l’idea delle doll’s house che costruisce Annie che presto diventeranno parte della scenografia, ma anche i rapporti complessi fra i pochi personaggi. Ma tutto il film è costruito su Toni Colette, una sorta di Mia Farrow in Rosemary’s Baby, che ci conduce in un percorso di paura e follia dove non capisci mai bene quanto lei sia dentro e quanto voglia davvero proteggere i suoi. Uno dei migliori horror della stagione. In sala

Dago


Articolo letto: 319 volte
Categorie: , Cinema


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook