«Donna, sii felice nella tua vita di coppia, te lo meriti. Vivi serena e appagata ogni giorno della tua vita. Fai in modo di trovare un uomo che sappia cucinare. Fai in modo di trovare un uomo che guadagni molto. Fai in modo di trovare un uomo che ti appaghi completamente.

Bari
17:00 del 08/09/2017
Scritto da Gregorio

«Donna, sii felice nella tua vita di coppia, te lo meriti. Vivi serena e appagata ogni giorno della tua vita. Fai in modo di trovare un uomo che sappia cucinare. Fai in modo di trovare un uomo che guadagni molto. Fai in modo di trovare un uomo che ti appaghi completamente. E, soprattutto, donna, fai in modo che questi tre uomini non si incontrino mai» suggerisce non a torto il cabarettista Flavio Oreglio al gentil sesso. Infatti, secondo numerosi antropologi, la forma più duratura e più felice di relazione amorosa non è né quella tradizionale né quella poligamica, in cui l’uomo ha più mogli, che spesso litigano tra di loro, bensì quella poliandrica, dove la donna sposa più partner. In un vecchio e divertente film del 1978, “Amori miei”, con Monica Vitti e Johnny Dorelli, la protagonista, moglie devota e premurosa, insoddisfatta della sua vita coniugale a causa di un marito distratto e assente, decide di convolare a nozze, all’insaputa del coniuge, con un altro uomo. Ed è così che le cose in casa iniziano a funzionare alla grande ed entrambi i matrimoni ad andare a gonfie vele. Forse che abbiamo bisogno di due partner per essere soddisfatte e felici? 
Si chiama “poliandria libera” l’abitudine, tuttora persistente in alcune tribù dell’Asia centrale e dell’India meridionale, di avere più mariti, tendenza assai diffusa nelle società in cui la donna gode di autorità ed indipendenza. 
Tracce dell’esistenza di tale usanza si trovano anche in alcuni reperti di epoca romana. Nei Saturnalia di Macrobio si legge: «Le matrone di Roma si radunarono in gran numero di fronte al senato, supplicando con lacrime e preghiere che una donna dovrebbe sposarsi con due uomini». Il geografo dell’Antica Grecia Strabone scriveva: «In certe regioni una donna era autorizzata ad avere più mariti, e coloro che ne avevano meno di cinque erano guardate con disprezzo». 
Nel mondo occidentale la donna ha ormai acquistato potere ed autonomia in ogni ambito ed è forse per questo che sempre più signore non si accontentano più di un solo uomo, ma ne vogliono due o tre. Del resto, alcune ricerche scientifiche hanno dimostrato ampiamente che sia maschi che femmine hanno l’inclinazione naturale ad avere più partner sessuali. È stata la paura che venisse messa in discussione la propria virilità a spingere il sesso maschile a gettare le basi di una cultura che esaltasse la virtù della fedeltà femminile e che indicasse come “sgualdrine”, punendole e defraudandole, coloro che hanno conosciuto biblicamente più uomini, fino al punto di spingere il gentil sesso a considerare prioritaria la necessità di tutelare la propria reputazione, nonché il quieto vivere, rispetto al desiderio di non accontentarsi di un compagno solo. 
Del resto, se chiediamo a qualsiasi soggetto di sesso femminile di descrivere il suo tipo ideale, la lista dei requisiti è lunga e variegata. Il principe azzurro deve essere bello e intelligente, divertente ma serio, avventuroso ma fedele, responsabile ma imprevedibile, raffinato ma sportivo, romantico ma pratico, e chi più ne ha più ne metta. È chiaro che un uomo così non esiste. Ma tanti uomini con queste caratteristiche si possono racimolare. 
Le donne che decidono di avere più compagni intraprendono sempre più di frequente relazioni poliamorose, ossia rapporti multipli che nulla hanno a che vedere con l’adulterio. Infatti la poliamorosa, a differenza dell’adultera, aborrisce la clandestinità e desidera che i suoi due fidanzati si conoscano e che vadano persino d’accordo, senza fare mistero del fatto che ella ami entrambi allo stesso identico modo, sebbene si tratti di due persone completamente diverse. 
Ciò che desta stupore riguardo questa sempre più diffusa tendenza è la facilità con cui le poliamorose riescano a trovare fidanzati in un’epoca in cui imbattersi in un uomo decente e mentalmente stabile con cui instaurare un sano rapporto di coppia è un’impresa ardua tanto quanto prima di Cristoforo Colombo era impossibile per i più individuare una seconda via per le Indie. 
Forse le seguaci del poliamore si infatuano tanto facilmente proprio perché si accontentano. Invece di aspettare l’uomo che rappresenti la perfetta, nonché imperfetta, sintesi di tutto ciò che cercano, per arrivare a quell’ideale che hanno in testa sommano le caratteristiche positive di più uomini, frequentandoli tutti. Alla fine, ciò che è certo è che chi si accontenta gode. Le eterne insoddisfatte, invece, quelle che aspettano ancora Mister Giusto, che scartano un maschio dopo l’altro, prima ancora di un’uscita insieme, che bocciano senza possibilità di appello spasimanti e pretendenti, restano sole: a loro, al contrario delle poliamorose, più maschi non bastano, ne vogliono uno solo e che sia davvero speciale. In questo modo evitano a loro stesse la noia di stare con qualcuno che non amano e anche il fastidio di sopportare due uomini contemporaneamente, quando averne accanto uno solo a volte sembra già troppo.

Da: QUI


Articolo letto: 304 volte
Categorie: , Sesso


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook