Il servizio sanitario italiano sarebbe il migliore al mondo se…. cambiasse la mentalità truffaldina dei cittadini

Siracusa
11:40 del 12/02/2015
Scritto da Gerardo

Sanità italiana in crisi? Purtroppo non è il sistema che è sbagliato ma la sua applicazione. Il nostro sistema sanitario è decisamente superiore a quello degli Stati Uniti perchè garantisce il diritto alle cure a tutte le persone indipendentemente dal loro reddito, quello che ci frega sono gli sprechi e le ruberie che avvengono nel settore e che erroneamente ci portano a pensare che il sistema non funziona. In altre parole non dobbiamo cambiare il nostro sistema ma farlo funzionare bene.

La sanità è un diritto di ogni cittadino, privatizzarla sarebbe come andare contro alla costituzione, sarebbe come privatizzare un bene primario, anche se non viene classificato come tale ovviamente. In GerMania esiste un sistema di assicurazioni obbligatorie (costano circa 200-300 euro mensili) e la sanità funziona benissimo. Comprende anche le cure dentarie. Concordiamo sul fatto che il sistema italiano è malato (anche perché non è pubblico e non è gratuito, vedi ticket continui di 30 € su tutto, dentista non incluso, attese di anni per una visita oculistica o altre visite specialistiche). Però privatizzarlo totalmente sarebbe una follia, soprattutto perché con la tipica mentalità italiana, gli ospedali privati tenderebbero a massimizzare i guadagni più che a fornire una qualità ottima di servizio sanitario. A nostro parere un'ottima via di mezzo è il sistema tedesco, dove vige appunto questo sistema di assicurazioni sanitarie obbligatorie, e vi è un sistema misto di ospedali statali e privati.

Gli USA stanno cercando di imitare la sanità pubblica esistente in tutta Europa, e Obama, nel sostenere questa scelta, ha fatto un esplicito riferimento a quella italiana. Dire che la nostra sanità pubblica fa schifo è un errore grossolano. Come in tutte le cose che funzionano ci possono essere anche delle realtà negative, ma quelle positive (le cose positive non fanno mai notizia) sono la maggioranza.

Le strutture private se non venissero finanziate anche con soldi pubblici fallirebbero all' istante. Da notare che la sanità pubblica, a differenza di quella privata, garantisce in tutto il paese 24 ore su 24 e per 365 giorni all' anno, un servizio di pronto soccorso ad alto livello, e, in caso di necessità, deve curare qualsiasi cittadino che si trovi nel suolo del nostro paese indipendentemente dal suo reddito e dalla sua capacità di pagamento. Ovviamente tutto questo ha un costo. Altro è il discorso della corruzione e dell'illegalità, ma qui si entra nella cultura del nostro paese, un paese nel quale l'essere un "furbo" è visto come un pregio è non un difetto.


Articolo letto: 549 volte
Categorie: Medicina, Salute


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi della sanità italiana?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Giovanni

12/02/2015 11:46:54
L'atteggiamento dei medici in generale mi manda fuori di testa. sembra quasi che a dirti le cose ti facciano un favore. Tutti i giorni nei vari tg continuano a sentirsi casi di malasanità. cartelle cliniche scambiate; gente che viene mandata a casa e poi muore dopo 5 minuti. gente che non si sveglia più dall'anestesia.
3

Gerardo

12/02/2015 11:46:24
Penso che sia a dir poco vergognoso. Con tutte le tasse che pago ho un servizio che sembra quello di un paese dell'est. Ti serve una visita? hai bisogno di un controllo? Devi aspettare (se ti va bene) parecchi mesi e pagare minimo 80 euro.
4

Ricerche correlate

Sanità - sanità italiana - salute - medicina -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook