Preparato in casa, il seitan è un ottimo ingrediente ricco di proteine vegetali e perfetto da accompagnare con verdure di stagione

Roma
04:00 del 24/10/2019
Scritto da Carla

INGREDIENTE SEITAN PROPRIETA' E BENEFICI - Il seitan è un alimento di origine vegetale altamente proteico, povero di grassi e privo di colesterolo: un ingrediente molto utilizzato nella cucina vegana e vegetariana, che si ricava dal glutine del grano tenero o di altri cereali. Il seitan viene utilizzato un sostituto della carne, in quanto ricco di proteine vegetali, perfetto da accompagnare con verdure di stagione.  Può essere considerato l'alimento ideale per ogni dieta: è però controindicazione per i soggetti celiaci o intolleranti al glutine e per chi soffre di diabete. Scopriamo allora cos'è il seitan e come prepararlo a casa.
Seitan: cos'è

INGREDIENTE SEITAN PROPRIETA' E BENEFICI - Il seitan è un alimento altamente proteico che si ricava dal glutine del grano tenero, del farro o del khorasan. Secondo la ricetta tradizionale, si ottiene estraendo il glutine dalla farina di frumento: viene poi impastato e lessato in acqua insaporita con aromi vari, salsa di soia e alga kombu. Il seitan ha un aspetto simile alla carne, anche se il suo sapore è più delicato e la consistenza è più morbida ed elastica, ciò grazie all'elevato contenuto di glutine e alla presenza di due proteine: gliadina e glutenina. Viene considerato un'ottima alternativa alle tradizionali fonti proteiche di origine animale, proprio grazie all'alta concentrazione di proteine vegetali.


INGREDIENTE SEITAN PROPRIETA' E BENEFICI - Per un procedimento più breve, potete ricorrere alla farina di glutine già pronta e mescolata con della farina bianca. Questo metodo permette di insaporire il seitan non soltanto con la cottura in brodo, ma aggiungendo direttamente spezie e aromi alla farina di glutine. I preparativi si dividono in due momenti: la preparazione del brodo, con sedano, carota, cipolla, alghe e aromi vari, e quella dell’impasto, con la farina di glutine e spezie, in polvere, a volontà. Ricordatevi che l’acqua per l’impasto deve essere della stessa quantità della farina utilizzata. Impastando, potete dare al glutine la forma che meglio si addice alla ricetta che poi eseguirete. Il seitan che otterrete potete conservarlo nel brodo anche per sei giorni.

Affettato e servito con una salsa al tonno, con carciofi saltati all’olio, oppure presentato come una scaloppina con panna e funghi, o ancora con una capponata di verdure: sono tantissime le possibilità per portare in tavola il seitan, per un piatto equilibrato, povero di grassi e ricco di proteine vegetali. Potete anche preparare delle insalate ricche: tagliate il seitan a dadini, unite dello spinacino fresco, delle noci, i pomodori e germogli di soia e avrete un piatto unico e completo. Se non avete tempo di prepararvi il seitan a casa, potete trovarlo già confezionato sui banchi dei supermercati: esiste il Seitan tonné o le scaloppine ai funghi di Sojasun o il seitan al naturale, da guarnire come meglio preferite.


Articolo letto: 199 volte
Categorie: , Cucina


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook