Sulla base di un’inchiesta della Camera di Commercio, la città preferita dagli Under 30 è Prato, appena prima di Rimini. Al secondo posto Prato, sul terzo gradino del podio Genova. Si salva Milano, sesta, nella top ten anche Torino e Roma.

Rimini
23:02 del 17/02/2014
Scritto da Albertone

Se volete far felice un giovane, mandatelo a Rimini. Per divertirsi? Macchè, per restituirgli fiducia in se stesso, prospettive di crescita e uno sguardo ottimista verso il futuro. Sarà vero? Così pare. Gli Under 30, di sicuro, preferiscono il Nord e la Provincia. Sulla base di una speciale inchiesta svolta dalla Camera di Commercio, a Prato e Rimini i giovani vivono meglio, in pace con se stessi e operativi più che nelle altre parti d’Italia.
Di certo, meglio la Provincia alle città metropolitane, che pure si salvano grazie a Genova, Torino, Milano e Roma, tutte dentro la top ten. Ma come a Prato e Rimini, non si vive, le due Province che risultano essere le più “vicine” ai giovani, con il più alto Indice di Vivibilità Giovanile in Italia. L’indice, stilato dall’Ufficio Studi della Camera di commercio prende in considerazione più di 20 indicatori che mettono a raffronto parametri economici e demografici. Tra gli indicatori dell’Indice di Vivibilità Giovanile sono stati presi in considerazione il tasso di occupazione e di disoccupazione giovanile, il dinamismo imprenditoriale dei giovani, la densità territoriale delle imprese con titolare under 30, le imprese guidate da giovani che stanno affrontando momenti di difficoltà, il tasso di imprenditorialità dei giovani stranieri.
E sotto il profilo delle tendenze demografiche e sociali è stato indagato il peso della popolazione giovanile e dei servizi alla persona legati ai giovani: dagli impianti sportivi ai locali di ritrovo e di socialità, dai luoghi di cultura, alla rete distributiva. A Prato e a Rimini i giovani under 30 vivono meglio, hanno più opportunità a livello lavorativo e più possibilità di trovare facilmente luoghi culturali, di aggregazione e per il tempo libero, oltre agli esercizi commerciali. E nella classifica delle 10 città più “dinamiche” per i giovani seguono Genova, Savona, torna la Toscana con Pistoia, a pari merito con Milano, poi Trieste, Novara e Torino e al 10° posto Roma.
Prato detiene il primato della competitività giovanile anche nelle classifiche parziali, tenendo conto esclusivamente delle opportunità di lavoro autonomo per gli under 30, la città toscana sembra in grado di offrire buone prospettive. L’area milanese si colloca solo al 20° posto, seguita da Monza e Brianza (29°). Ragusa, Latina, Bari e Lecco sono le città più giovani.
E sul fronte dell’occupazione giovanile sono Modena e Bolzano ad avere tassi di occupazione giovanile più elevati. Se invece prendiamo in considerazione solo i parametri legati ai servizi alla persona e ai luoghi di ritrovo, è Rimini la capitale dell’intrattenimento giovanile, seguita da Livorno e Lucca. Nella classifica delle città più “giovani”, 12esimo posto per Firenze, 15esimo per Reggio Emilia, 17esimo Pisa, 29esimo Napoli e 30esimo per La Spezia.  


Articolo letto: 2134 volte
Categorie: Cronaca, Curiosità, Salute


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook