Lo Stato vuole privatizzare la scuola liquidando quella pubblica a favore delle paritarie e private. Alla fine sarebbe più economico per lo Stato, versa una somma fissa, se la versa e la scuola si rivale sui genitori

Palermo
08:00 del 18/04/2017
Scritto da Gregorio

Lo Stato vuole privatizzare la scuola liquidando quella pubblica a favore delle paritarie e private. Alla fine sarebbe più economico per lo Stato, versa una somma fissa, se la versa e la scuola si rivale sui genitori.

Chi ha soldi può provvedere all'educazione dei figli, chi non ne ha non faccia figli o non li mandi a scuola facendo la scuola a casa. E la solita storia dove la furbizia viene premiata e l'onesta punita. Il primo dei furbi è lo Stato...

L'istruzione, nel sistema economico oggi ben radicato a livello globale -ma direi in maniera più accentuata in occidente- è stato il primo mattone tolto all'impianto sociale delle civiltà che fino agli anni '80 caratterizzavano il mondo.


L'avvilimento della formazione, della professionalizzazione, della cultura strettamente legate alla struttura sociale delle masse, hanno liberato il campo alle scorribande di politiche fortemente sbilanciate verso politiche liberiste, di deregolamentazione, con l'accrescimento culturale e professionale sostituito dal profitto a "ogni costo". Il tutto accompagnato dal grimaldello dell'informazione il cui avvilimento ha prodotto dapprima la spensieratezza dei contenuti alla "Drive in", per poi riempire dello stesso vuoto format dai finti contenuti informativi come oggi i talk show. Ecco che il depauperamento intellettuale delle masse, ha fatto si che la democrazia sia rappresentativa che diretta perdesse il suo ruolo e la sua collocazione dando spazio a decisioni sovranazionali, sovra-continentali. "Se lascio pensare le masse, ne perdo il controllo": era un'affermazione di un politico cinese, tra gli anni '80 e '90, alla domanda del perché in una società tecnologicamente così avanzata, si arassero i campi ancora con i buoi e i contadini al seguito.


Articolo letto: 420 volte
Categorie: , Denunce, Economia, Sociale


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi dei contributi volontari a scuola?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Paolo

18/04/2017 12:58:18
Io sono di un parere che io non pago assolutamente niente sia alla scuola e che allo stato che ladri che sono vergognatevi solo .
7

Michelangelo

18/04/2017 11:09:09
Lo stato renziano delle mancette e dei bonus elettorali che si affianca quello delle elemosine, istituzionali e delle telefonate da due euro per la ricostruzione terremoto. Ci voleva che un ministro come Fedeli mettesse la faccia, su questa infame vicenda del PD della "Buona scuola" che si inventa la tassa occulta dei contributi “volontari” che diventano obbligatori e che produce, a spese nostre, laureati costretti ad aumentare il pil nei paesi dove emigrano col plauso di un altro che ha distrutto il lavoro e offeso i laureati italiani.
5

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook