Desolante panoramica della cosiddetta "classe dirigente" industriale che fa giusto il paio con la altrettanto cosiddetta "classe dirigente" della politica.

Cagliari
08:40 del 14/10/2016
Scritto da Gregorio

Desolante panoramica della cosiddetta "classe dirigente" industriale che fa giusto il paio con la altrettanto cosiddetta "classe dirigente" della politica. E poi qualcuno si chiede perché l'Italia è' ferma, non cresce e continua ad impoverirsi. Sarà' perché tra politici, industriali e finanzieri se la rosicchiano come topi giorno per giorno. L'unica cosa incontestabile e' la solita fregatura ammollata a quelli che si ostinano a investire in una borsa malata: in gergo si chiama "tosatura delle pecore " e arriva puntuale a intervalli più' o meno uguali.

Mentre il popolo combatte con il quotidiano sempre più difficile , i ladri travestiti da persone autorevoli ci mangiano la vita. A Roma i bambini disabili hanno subito l'ennesima ingiustizia : taglio ore di sostegno e che sostegno ! 

È inutile girarci intorno. Chiamarlo scandalo del Sole 24 Ore serve solo a minimizzare. Quello che sta esplodendo è lo scandalo Confindustria. Altro che i sindacalisti in crociera con i soldi dei pensionati. Altro che gli assessori a caccia di bustarelle. Altro che municipalizzate corrose dalle parentopoli. Altro che Monte dei Paschi e Banca Etruria.

Qualunque pietra di paragone scegliate, anche la più purulenta, state sicuri che con il giornale della Confindustria sono riusciti a fare peggio. Con quella che presentavano come il gioiello dell' industria editoriale sono riusciti a perdere in nove anni più di un miliardo di euro. Il fatto che li abbiano persi non esclude che qualcuno sappia benissimo dove ritrovarli. Non li hanno persi, li hanno fatti sparire. Veri maghi. Basta scorrere i bilanci del Sole 24 Ore per capire che sono forse falsi (questo lo sta già verificando la procura della Repubblica di Milano), sicuramente fantasiosi. È l' unico giornale da Gutenberg in poi che è riuscito a dichiarare di non sapere esattamente quante copie vende, l' unico che è riuscito a far schizzare le vendite e a far crollare i ricavi. Contemporaneamente. Veri maghi. Tutti sapevano tutto. Non solo per i bilanci ma anche perché da anni si susseguono gli esposti al collegio sindacale e alla Consob.

È datato 11 maggio 2010 l' esposto firmato da quattro giornalisti del Sole 24 Ore (Donatella Stasio, Nicola Borzi, Alessandro Galimberti, Giovanni Negri) che si sono spesi personalmente per denunciare le imprese dei loro blasonati editori. In quell' esposto c'è di tutto. Esemplare il caso della Gpp, società editoriale di cui il gruppo Telecom Italia si libera nel 2004 perché va male. La vende per 14,6 milioni al fondo Wyse Equity che fa capo alla De Agostini. Ed ecco che nel 2006 arriva il Sole 24 Ore, che fa uno shopping forsennato per risultare più grande e più bello in vista della quotazione in Borsa. Compra dalla Wyse la Gpp per 40 milioni di euro. In quel momento, sottolineano i quattro giornalisti, la società Kpmg risulta essere impegnata nella revisione dei bilanci della società venditrice, della compratrice e della compravenduta, ma è anche incaricata dal Sole 24 Ore della due diligence (verifica del valore) della Gpp. La Consob non fiata.

Nel frattempo nell' azionariato della Gpp sono entrati con il 10 per cento misteriosi soci "lussemburghesi" che dalla vendita incassano 4 milioni senza fatica, e benché Il Sole sia una società quotata nessuno sa chi siano i fortunati. Miracolo: in due anni una società triplica il suo valore producendo perdite. A fine 2009, prendendo atto che la Gpp in nove anni di vita ha accumulato quasi 40 milioni di perdita (10 dei quali nell' ultimo anno), il cda del Sole 24 Ore decide di svalutare di 14 milioni la partecipazione e poi di fonderla nella capogruppo con la stessa destrezza con cui si seppelliscono i cadaveri. I bilanci parlano chiaro. Il 6 dicembre 2007, giorno della quotazione, Il Sole 24 Ore valeva in Borsa 750 milioni, oggi ne vale 51; aveva 347 milioni di patrimonio netto (capitale e riserve), oggi ne ha 28 milioni; aveva una posizione finanziaria netta, cioè soldi in cassa, di 149 milioni, oggi ce l' ha negativa, cioè ha debiti netti per 30 milioni. Sommando grossolanamente, si sono volatilizzati 1,2 miliardi.


Soldi principalmente della Confindustria di cui oggi le aziende associate non sanno a chi chiedere conto. I presidenti che si sono succeduti in questi anni (Luca Montezemolo, Emma Marcegaglia, Giorgio Squinzi) sembrano non essersi accorti di nulla, e sono quelli che vorrebbero insegnare ai politici come si gestisce un Paese. Letto l' esposto dei quattro giornalisti del Sole 24 Ore, l' allora presidente della Consob Lamberto Cardia non ha fatto una piega. Impassibili anche i consiglieri d' amministrazione del Sole che l' hanno ricevuto: tra loro il presidente Giancarlo Cerutti, produttore di macchine per la stampa, azionista e consigliere di Mediobanca quando la banca d' affari ha curato la quotazione in Borsa del Sole 24 Ore (ma forse nel 2007 in Confindustria non conoscevano ancora i conflitti d' interesse); e poi c' era Luigi Abete, tipografo e banchiere; c' era Francesco Caio, oggi alla guida delle Poste, allora (dicono) autore di una lettera di fuoco ai vertici della società seguita da silenziose dimissioni. E chi altro ha letto l' esposto dei quattro giornalisti? Vediamo.

C' era Piero Gnudi, il commercialista d' oro, l' uomo che sussurrava al ministro Federica Guidi e adesso sta salvando l' Ilva, sicuramente con lo stesso rigore con cui ha amministrato Il Sole 24 Ore; ecco Antonello Montante, il fedelissimo di Emma Marcegaglia, campione dell' antimafia in Sicilia fino al giorno in cui è stato indagato per mafia; ecco Giampaolo Galli, allora direttore generale della Confindustria, in seguito nominato da Pierluigi Bersani a Montecitorio ma renziano il giorno dopo. Tutti si sono voltati dall' altra parte. Così questa classe dirigente manda a picco l' economia: sa tutto, sente, vede, alza gli occhi al cielo, sospira, butta la polvere sotto il tappeto, spera che passi e aspetta di lasciare la rogna al successore. I nostri industriali sono fatti così. Quando devono spezzare le reni ai loro dipendenti e ai sindacati mettono pancia in dentro e petto in fuori e recitano la litania imparata nelle sacrestie confindustriali sulla responsabilità dell' impresa, un uomo solo al comando, la tragica solitudine del decidere per tutti, licenzio voi per salvare gli altri, lo faccio per i vostri figli, le notti insonni di chi si fa carico. Tirate le somme sono peggio dei peggiori politici.

Il Sole 24 Ore è stato gestito peggio della peggiore municipalizzata. Il presidente della Confindustria Montezemolo affida la società per la quotazione a un manager formidabile, Claudio Calabi, che ha già guidato la Rcs-Corriere della Sera, dunque ha la giusta esperienza editoriale. Anche troppa: nel 2000, mentre con Rcs comprava in Francia la casa editrice Flammarion, Calabi fece un insider trading da manuale, comprando azioni Flammarion a 37-42 euro e rivendendole a 78 euro venti giorni dopo. Un guadagnuccio da 365 mila euro per arrotondare, forse lo pagavano poco. Fatto sta che la Cob (la Consob francese) lo beccò subito, e il presidente della Rcs Cesare Romiti lo mise alla porta in 48 ore. Nessun giornale scrisse una riga. Montezemolo però sapeva tutto e, forse per solidarietà (anche lui fu cacciato da Romiti perché chiedeva soldi per propiziare incontri con l' avvocato Agnelli) decise che Calabi era l' uomo giusto per portare in Borsa Il Sole, e in particolare per fare lo shopping di aziende con cui gonfiare il prodotto da piazzare agli investitori. Il clima di rigore imposto da Montezemolo si riconosce da lontano.


Quando designa il cda che dovrà accompagnare Calabi verso l' esaltante sfida del mercato sceglie fior di imprenditori con un criterio preso di peso dalla Ricchezza delle nazioni di Adam Smith: "Quattro rappresentanti delle associazioni territoriali degli industriali del Nord, due del Centro, uno del Sud e due delle categorie". Calvinismo puro, animal spirits allo stato brado. Tra i prescelti Abete, mai più uscito dal cda del Sole e oggi vicepresidente nonché presidente in pectore; Matteo Colaninno, oggi deputato Pd; Maurizio Beretta, allora direttore generale della Confindustria, oggi dirigente di Unicredit e presidente della Lega Calcio. Di quel collocamento in Borsa restano memorabili almeno due notazioni del presidente dell' Adusbef Elio Lannutti, oggi promotore dell' inchiesta giudiziaria con i suoi esposti alla Consob e alla procura di Milano, affidate a un' interrogazione del 2011. La prima: "Morgan Stanley, una delle più importanti banche d' affari del mondo, sostenne che per rendere attraente il titolo sarebbe necessario collocarlo a un prezzo vicino ai 4 euro: sarà poi quotato a 5,75 euro". La seconda: l' utilizzo della famigerata clausola detta claw back (per non far capire che cos' è).

Montezemolo disse che il collocamento era diretto principalmente agli investitori istituzionali, cui era riservato l' 80 per cento delle azioni offerte. Invece all' ultimo momento, visto che gli istituzionali si erano ben guardati dal prenotare un prodotto che conoscevano bene, gli amici di Mediobanca ficcarono più della metà delle azioni nelle tasche del cosiddetto retail, come i banchieri chiamano i poveri fessi. Questa truffa della buona fede dei risparmiatori se la chiami claw back fa tutt' altro effetto. Dal giorno della quotazione è stata una sarabanda di bugie, riassumibili in questi dati: nel 2008 Il Sole ha dichiarato in bilancio di aver diffuso (tra carta e digitale) 335 mila copie al giorno incassando 207 milioni; nel 2015 le copie sono salite a 375 mila e i ricavi sono scesi a 144 milioni.

All' assemblea dei 23 aprile 2012 l' azionista Giovanni Esposito chiese come mai le copie salivano e i ricavi scendevano nonostante l' aumento del prezzo a 1,50 euro che da solo avrebbe dovuto comportare almeno un 20 per cento di incremento delle entrate. Memorabile la risposta del presidente Cerutti: i dati diffusionali sono forniti dall' Ads (Accertamento diffusione stampa), quindi "se il signor Esposito è soddisfatto della risposta siamo contenti altrimenti non possiamo farci nulla". E più non dimandare. Peccato che mesi fa la stessa Ads abbia cancellato dai conteggi del Sole 109 mila copie digitali perché ritenute fasulle. Molte di queste risultano acquistate dalla misteriosa società londinese Di Source, sulla quale si stanno per accendere i fari della magistratura, sulla scorta di due dettagliati esposti presentati nei giorni scorsi alla Consob dal giornalista Nicola Borzi. Lo scandalo Confindustria è solo all' inizio.


Articolo letto: 474 volte
Categorie: Cronaca, Denunce, Economia, Politica


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi dello Scandalo Sole 24 ore?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Elisa

14/10/2016 20:35:09
In questo scandolo ci sono nomi eccellenti!!! Quindi il tempo di un paio di settimane e tutto finisce a tarallucci e vino!!! O meglio tutto sarà insabbiato!!!!
6

Nestore

14/10/2016 10:38:30
Salve, faccio 2 considerazioni veloci il Sole 24 Ore non è altro che una conseguenza di ciò che i direttori e gli investitori hanno combinato negli anni, poi in secondo luogo quando in una redazione arriva qualcuno che vuole aggiustare la cosa viene formato o messo fuori...si sa quando i conti non tornano tutto viene oscurato..
5

Fortunata

14/10/2016 09:53:21
un articolo capolavoro. Ovviamente ora ci pensa Renzie, il Bomba, a rottamare il marcio in Italia! Ecco dovreste fare un articolo anche su tutte le promesse sconce che un politico senza vergogna puó fare pur di prendere il potere mentendo su tutto e sprecando tutto il tempo a riformare la Costituzione tanto per deviare l'attenzione da quelli che sono i veri mali del Paese, da quello che si sarebbe davvero dovuto rottamare
4

Addolorata

14/10/2016 09:42:28
E' da qualche annetto che mio marito, lettore del Sole 24 Ore e amante dell'inserto domenicale dedicato alla cultura, mi dice: questo giornale non è più quello di prima, rigoroso e di spessore, sta diventando illeggibile.
Adesso capisco il perchè:
Beretta, Colaninno, Squinzi, Abete, Montezemolo, insieme ad altri compari di merende, lo hanno distrutto
6

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook