“Non c’è un aumento di paga base da 10 anni. Tutti gli stabilimenti sono in cassa integrazione”

Torino
06:00 del 06/07/2018
Scritto da Carmine

“Non c’è un aumento di paga base da 10 anni. Tutti gli stabilimenti sono in cassa integrazione”

Mentre i tifosi della Juventus attendono con ansia l’arrivo di Cristiano Ronaldo, c’è chi protesta per il possibile acquisto dell’ex del Real Madrid.

“Dopo Higuain, pure Cristiano Ronaldo? È una vergogna“. Non nasconde la sua rabbia Gerardo Giannone, operaio Fca dello stabilimento di Pomigliano d’Arco che da 18 anni lavora in Fiat. L’uomo, all’agenzia di stampa Dire, ha espresso tutto il suo rancore per il possibile acquisto di Ronaldo da parte della Juve.


“Non c’è un aumento di paga base da 10 anni – ha continuato l’uomo -. Tutti gli stabilimenti sono in cassa integrazione, a Cassino stanno fermi per 5 giorni, a Pomigliano lavoriamo 11-12 giorni in un mese, si ferma pure Brugliasco”.

“Con il suo stipendio si potrebbero dare 200 euro di aumento a tutti i dipendenti. In questi 10 anni abbiamo perso il 10,7% di inflazione, mai recuperato. Fca spende 126 milioni di euro annuali di sponsorizzazione, 26,5 solo per la Juve”, ha spiegato Giannone.

“E ora dopo Higuain pensano di prendere Ronaldo. È vergognoso – ha concluso l’operaio -, anche che nessuno abbia detto una parola. Faccio un appello alla politica, a quella di sinistra e al ministro Di Maio di intervenire”.

Da: QUI


Articolo letto: 1735 volte
Categorie: , Calcio, Denunce, Lavoro


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook