L’unica certezza è che la nuova legge 24/2017, che entra in vigore il 1 aprile, rivoluziona la disciplina della responsabilità degli operatori sanitari nelle cause intentate da pazienti.

Napoli
11:21 del 31/03/2017
Scritto da Gregorio

medici sono contenti, le associazioni che tutelano i diritti dei malati molto meno. L’unica certezza è che la nuova legge 24/2017, che entra in vigore il 1 aprile, rivoluziona la disciplina della responsabilità degli operatori sanitari nelle cause intentate da pazienti. Cambiano le regole sia sul piano penale, sia su quello civile. Ma se il testo mette d’accordo tutti sul sistema di prevenzione del rischio clinico (sempre che i decreti attuativi trasformino in realtà ciò che è scritto sulla carta), non sono pochi i dubbi su altri aspetti della norma e sui relativi effetti che la sua entrata in vigore avrà per i pazienti. Primo fra tutti il nodo delle responsabilità dei singoli professionisti che, in caso di imperizia, non rispondono più penalmente se dimostrano di essersi attenuti alle linee guida

Questa legge danneggiera' sicuramente quegli studi legali e quant'altri hanno prosperato con le cause di malasanita' e aiutera' a ridurre i costi anomali che gravano sulla sanita': polizze sempre piu' costose e medicina difensiva che rappresentano grosso modo un decimo dell'intera spesa sanitaria.


È stata messa la pietra tombale sul rapporto medico paziente e l"alleanza terapeutica. Ci avviamo verso la giustizia arcaica come è presente in certi paesi dove non si ha fiducia delle leggi .... speriamo di no. Tutti i medici attenti, coscienziosi, rispettosi delle buone pratiche mediche, delle linee guida, e dei diritti costituzionali dei pazienti pagheranno il prezzo della difesa dell'indifendibile. Non prevedo riduzione delle nostre polizze ... anzi ... prevedo più lavoro per gli avvocati ... meno tutele per medici e sopratutto pazienti. Vedremo cosa succederà quando con perizie assurde e ... sì negheranno il risarcimento al danneggiato ... vedremo che cosa diranno i giudici delle documentazioni cliniche laconiche rilasciate ai pazienti... Benvenuti nell'era moderna .... o arcaica? il tempo sarà giudice inesorabile ....

Purtroppo quando si subisce un grave errore medico che lascia ferite nel corpo e nell'anima, non c'è risarcimento economico che tenga. Quando ci si rende conto che sarebbe stato meglio essere stati operati da un elettrauto si convive sempre con il sentimento dell'odio e con il desiderio di vendetta. Brutto vivere


Articolo letto: 551 volte
Categorie: , Cronaca, Denunce, Nuove Leggi, Salute, Sociale


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi della responsabilità medica degli operatori sanitari?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Paolo

31/03/2017 16:57:09
Ecco le mazzette che che lo stato da per garantire noi pazienti assistenza è cure . Dove vanno a finire i soldi sono sicuro che finiscono dentro le tasche dei furbetti vestiti di blu .
6

Genoveffa

31/03/2017 13:00:11
si tuteliamo solo i medici e non i pazienti, ma che Italia!!
6

Vivaldo

31/03/2017 12:59:26
ed è anche ora che i medici si assumano delle responsabilità non siamo mica delle cavie da laboratorio.
6

Liberata

31/03/2017 11:34:58
E' già un vantaggio ricondurre la responsabilità del medico dipendente dalla struttura sanitaria in quella extracontrattuale, in passato veniva ritenuta contrattuale. Per il resto non si può limitare la responsabilità per imperizia del medico con un regime di favore rispetto alle altre professioni perché è irragionevole e discriminatorio
8

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook