Renzi: ecco perchè è un burattino | L'analisi di Italiano Sveglia

Modena
12:00 del 17/12/2014
Scritto da Gerardo

Partiamo con il presupposto che Matteo Renzi non è stato eletto democraticamente dal popolo ( e questo già basterebbe per screditare ogni cosa che sta attuando, dato che tutto ciò che fa non sono sue idee ma ordini dell’UE ). A questo si aggiunge che l'Europa non sta attuando linee guida per la crescita ma ancora sul rigore. Renzi non attua ( e non vuole attuare ) una Politica economica per favorire l'occupazione e gli investimenti stranieri, in primis abolendo le mille tasse da pagare riducendole a paesi come Francia e GerMania dove la fase di stagnazione è terminata e i portafogli dei cittadini sono più pieni, mentre da noi sono sempre più vuoti.

Renzi sta attuando come Monti e come Letta politiche di rigore e la crescita non c'è se non tagli le tasse non favorisci i piccoli e medi imprenditori e inoltre non fa nemmeno una politica per controllare le banche (che ormai sono una realtà troppo libera che addirittura applicano tassi di interesse usurai). Se le banche anziché finanziare l’economia comprano titoli di stato, si fanno dare 7,5 miliardi dalla Banca d’ Italia per risanarsi e varie manovre di questo tipo, ci viene da pensare che la politica non controlla poi cosi tanto le banche, semmai l influenza è reciproca.

Inoltre Renzi non è mai stato antiberlusconiano, anzi. Per far carriera nel PD, specie quello toscano, e a maggior ragione se si viene da una famiglia di destra, si è per forza costretti a recitare come un mantra "Berlusconi è il diavolo" ad ogni frase, per acquistare credibilità sulla base, che è quella che è, e i cui nonni e bisnonni allo stesso modo osannavano il Duce alle adunate di piazza in cui diceva "l'Inghilterra è il diavolo".

 Ora che ha acquistato una visibilità propria, può finalmente rinunciare all'antiberlusconismo di facciata che gli era stato imposto. Non crediamo che gli stia simpatico, ma in fondo Berlusconi ha sempre fatto il suo mestiere: non ci si deve arrabbiare col serpente, ma con Adamo ed Eva (alias Scilipoti, ecc.) che hanno preso la mela! Quanto oggi l'Italia è un autobus senza benzina e i passeggeri della fila di destra incolpano quelli della fila di sinistra e viceversa. Ora ci sono alcuni dei passeggeri di entrambe le file che sembrano d’accordo per mettersi a spingere tutti insieme, almeno fino al primo distributore, e stanno meditando di lasciare a piedi quelli che non vogliono spingere, per alleggerire l'autobus. Non saremmo per arrivare al distributore senza la zavorra: chi vuole rimanere sulla piazzola, ci resti pure. Ma nessuno può obbligare nessuno.


Articolo letto: 1373 volte
Categorie: Denunce, Editoria, Lavoro, Politica, Sociale


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook