RECENSIONE REMOTHERED TORMENTED FATHERS - Remothered: Tormented Fathers è il primo capitolo di una trilogia horror dalla genesi articolata, genesi di cui abbiamo ampiamente parlato in fase di anteprima.

Firenze
04:20 del 12/10/2019
Scritto da Gregorio

RECENSIONE REMOTHERED TORMENTED FATHERS - Remothered: Tormented Fathers è il primo capitolo di una trilogia horror dalla genesi articolata, genesi di cui abbiamo ampiamente parlato in fase di anteprima. Diretto da Chris Darril e sviluppato da Stormind Games, racconta la storia di Rosemary Reed, una donna di trentacinque anni dalle fattezze che ricordano quelle della Jodie Foster de Il Silenzio degli Innocenti, che sta indagando sulla scomparsa di Celeste, la figlia del notaio Felton, data per scappata di casa ma la cui sorte è in realtà avvolta nel mistero. Per capire cos'è successo, Rosemary si reca a casa di Felton con una scusa, scatenando la reazione piccata dell'uomo e una serie di orrori indicibili, dai risvolti inattesi. Cosa si nasconde in quella casa? Perché Felton chiamava la figlia Jennifer?


RECENSIONE REMOTHERED TORMENTED FATHERS - Che ruolo ha avuto sua moglie Arianna in tutta la vicenda? Com'è legata la sparizione di Celeste alla vecchia attività di Felton? Che ruolo hanno in tutta la faccenda delle strane suore vestite di rosso?

Per rispondere a queste e altre domande, Rosemary dovrà prima di tutto riuscire a sopravvivere ai pericoli che la minacceranno lungo tutta la sua indagine.

Resta la possibilità di piazzare o lanciare diversivi per distrarre il nostro inseguitore (da tazzine a sveglie, passando per bambole giocattolo), oppure brandire varie armi di difesa raccolte tra i vari angoli della villa (coltelli, forbici e così via), in modo da rallentare Felton nell’eventualità che questi riesca ad afferrarci. Anche l’enigmistica ambientale, tremendamente simile a quella dei classici titoli di genere  – vale a dire trova la chiave, risolvi il rompicapo, apri la porta – scorre via che è un piacere, sebbene anche in questo frangente l’atroce comparto grafico di questa versione Nintendo Switch crei solo inutile confusione, rendendo davvero difficile identificare in maniera corretta i numerosi oggetti presenti nello scenario.


RECENSIONE REMOTHERED TORMENTED FATHERS - Peccato inoltre che l’edizione per la piattaforma ibrida dell’horror di Darril Arts non includa alcuna caratteristica esclusiva pensata per la console Nintendo (né sensori di movimento, né altro). Per il resto, la narrazione di Remothered: Tormented Fathers funziona bene proprio come in passato: la storia di Rosemary Reed, della famiglia Felton e degli oscuri meandri di una magione che puzza di morte e putrefazione rendono ancora più facile immergersi in quel contesto ‘retrò’ che rende il gioco sviluppato da Stormind Games un ideale seguito spirituale della saga di Clock Tower targata Capcom, la gioia di chi da anni mastica il genere chiedendo a gran voce un titolo che ne eguagli meccaniche e atmosfera. Sotto questo aspetto, il titolo di Chris Darril è assolutamente perfetto. L’unico rammarico, di nuovo, è che il team di sviluppo non si sia preso del tempo extra per imbastire una conversione realmente all’altezza del gioco stesso (magari, una corposa patch potrà tentare di correggere gran parte dei problemi).


Articolo letto: 148 volte
Categorie: , Videogames


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook