Accade al pronto soccorso nelle ore serali e notturne. La denuncia dell’Anaao: «Tutori e stecche rigide ci sono solo nel reparto di ortopedia, che però alle 20 deve chiudere»

Reggio Calabria
07:00 del 02/08/2018
Scritto da Luca

Non ci sono medici sufficienti, non c’è personale e non ci sono gessi e tutori. E così se dopo il tramonto del sole un malcapitato paziente si presenta al pronto soccorso dell’ospedale di Reggio Calabria viene medicato alla meno peggio con garze e pezzi di cartone, in attesa che il mattino dopo riapra il reparto di ortopedia.

Verrebbe da pensare a una clamorosa fake news se a documentarla non ci fosse la testimonianza di un medico che ha prestato servizio per 40 anni proprio all’ospedale di Reggio Calabria; e se non ci fossero le immagini che al medico stesso sono pervenute da colleghi e pazienti del reparto. Il medico si chiama Gianluigi Scaffidi, è in pensione da alcuni mesi e oggi è un rappresentante dell’Anaao (l’associazione dei medici ospedalieri) della Calabria.

Niente gessi e tutori

Le immagini arrivate al dotto Scaffidi mostrano gambe, braccia, piedi di pazienti adagiati sulle barelle: gli arti, anzichè da stecche, tutori o bende gessate sono tenute rigide da pezzi di cartone, cerotti e garze. «Una situazione che ormai non si vede più nemmeno in Africa e che invece succede nell’unico ospedale di una città italiana di 200.000 abitanti. E badate che non si tratta di una situazione occasionale: alcune foto sono state scattate due giorni fa, altre risalgono a qualche settimana». L’incresciosa situazione è stata confermata al sito «Corriere della Calabria» dai vertici dell’azienda ospedaliera che però non hanno voluto aggiungere altri particolari nè commenti.


«Alle 20 ortopedia chiusa»

Ma cosa capita al pronto soccorso reggino e come si è giunta a sostituire le ingessature con le «incartonature»? Lo racconta proprio Gianluigi Scaffidi: «Il reparto ortopedia è aperto solo fino alle 20, perché manca il personale che lo faccia funzionare. La sala gessi funziona solo in ortopedia, il pronto soccorso ne è sprovvisto. Così chi arriva con una frattura dopo le 20 deve attendere fino al mattino successivo l’arrivo degli specialisti. Ma al pronto soccorso mancano anche i tutori, le stecche rigide e le altre protezioni che facciano da rimedio momentaneo. Così il personale da qualche tempo si deve arrangiare con i pezzi di cartone».

Punta dell’iceberg

La sanità calabrese è da tempo commissariata, il «buco» si aggira attorno ai 100 milioni di euro e la riduzione delle spese e degli sprechi è un imperativo con cui medici e dirigenti devono fare quotidianamente i conti. «Sarei anch’io preoccupato da questa esigenza - commenta il rappresentante dell’Anaao - ma ci sono limiti che non possono essere oltrepassati, livelli al di sotto dei quali non si può scendere: come si può privare un pronto soccorso dei materiali necessari a medicare una semplice frattura? E purtroppo questa, che sembra una barzelletta, è solo la punta dell’iceberg per un ospedale dove manca di tutto: materiali, apparecchiature, personale».

La replica del primario

Il primario del pronto soccorso di Reggio Calabria Angelo Ianni è in seguito intervenuto su uno dei casi documentati dalle fotografie affermando che «Abbiamo proceduto subito dopo il triage e la visita a fare la radiografia utilizzando come immobilizzatore il cartone per verificare che non ci fossero danni all’arto del paziente». «Non abbiamo tolto il cartone - ha aggiunto Ianni - per non perdere tempo ma anche perché i tutori che si utilizzano sono anch’essi di cartone. Sono solo esteticamente più gradevoli»

Da: QUI


Articolo letto: 460 volte
Categorie: , Cronaca, Salute


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook