REDDITO INCLUSIONE 1 DICEMBRE - Piaccia o no, è una delle principali eredità del governo Renzi, immaginata dalla sua squadra e portata in fondo da Paolo Gentiloni: un nuovo assegno statale a sostegno delle famiglie più povere.

Perugia
10:00 del 24/11/2017
Scritto da Luca

REDDITO INCLUSIONE 1 DICEMBRE - Piaccia o no, è una delle principali eredità del governo Renzi, immaginata dalla sua squadra e portata in fondo da Paolo Gentiloni: un nuovo assegno statale a sostegno delle famiglie più povere. Fra pochi giorni, dal primo dicembre, sarà possibile fare domanda per il Rei, meglio noto come «Reddito di inclusione», un beneficio che in prima battuta riguarderà le famiglie con minori, disabili, donne in gravidanza a quattro mesi dal parto e gli over 55 disoccupati. La misura riguarderà per ora cinquecentomila famiglie per un totale di 1,8 milioni di persone e avrà un tetto di 485 euro al mese - 5.800 l’anno - nel caso di famiglie in difficoltà con almeno cinque componenti.

REDDITO INCLUSIONE 1 DICEMBRE - Il Reddito di inclusione non ha nulla a che vedere con il reddito di cittadinanza che il Movimento Cinque Stelle vorrebbe concedere ad una platea molto più grande. La proposta di dettaglio depositata in Parlamento arriverebbe a concedere fino a 780 euro a persona. Se però i componenti della famiglia sono sette, il massimo erogabile in un anno è di 37.440 euro. Se si moltiplica questa somma per il numero di famiglie povere si possono apprezzare le conseguenze sui conti pubblici: secondo alcune stime l’operazione costerebbe circa 20 miliardi di euro l’anno, un po’ meno dell’intera manovra lorda per il 2018. Il Rei oggi vale 1,7 miliardi di euro, destinati a crescere ad almeno due miliardi negli anni a venire.


REDDITO INCLUSIONE 1 DICEMBRE - Il nucleo familiare deve avere un reddito Isee in corso di validità non superiore a 6.000 euro e un valore dell'Isre (indicatore reddituale dell'Isee) a fini ReI non superiore a 3.000 euro. Inoltre, oltre alla casa di abitazione, non si può avere un patrimonio immobiliare superiore a 20.000 euro e uno mobiliare superiore a 10.000 euro (in caso di tre componenti). Possono fare domanda per il ReI i cittadini dell’Ue o gli extracomunitari con permesso di lungo soggiorno residenti in Italia in via continuativa da almeno due anni.
L'importo del reddito di inclusione è pari al massimo a 485 euro mensili (in caso di almeno cinque componenti) ma potrebbe aumentare l'anno prossimo a fronte di risorse ulteriori che dovrebbero essere stanziate nella legge di bilancio, arrivando fino a 540 euro. Il beneficio economico viene erogato – spiega ancora l'Inps – per il tramite della Carta acquisti ridenominata Carta ReI che consente anche prelievi di contante entro la metà dell'importo massimo attribuito. La Carta viene concessa dalle Poste.
Come presentare domanda
La domanda dovrà essere presentata nei comuni o in altri punti di accesso individuati dagli stessi comuni.
Il modello fornito dall’Inps è scaricabile sul sito dell’istituto di previdenza. Sono poi le amministrazioni locali a comunicare le informazioni contenute nelle domande all'Inps entro 15 giorni dalla ricezione della richiesta. L'Inps verifica le condizioni del possesso dei requisiti entro cinque giorni. In caso di esito positivo l'Istituto riconosce il reddito di inclusione a condizione che venga firmato il progetto personalizzato.


Articolo letto: 188 volte
Categorie: , Denunce, Economia


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook