Reddito di cittadinanza, la novità sui "lavori utili" nei Comuni (occhio ai limiti)

Roma
07:00 del 24/10/2019
Scritto da Samuele

ARRIVANO I LAVORI PER I BENEFICIARI DEL REDDITO - Il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Nunzia Catalfo ha firmato il decreto ministeriale, concertato con i Comuni, che definisce l'attivazione dei lavori di pubblica utilità che i beneficiari di Reddito di cittadinanza dovranno effettuare presso il Comune di residenza.  "E' un atto importante nel percorso di costruzione di un moderno sistema di welfare state che rinsalda il patto tra Stato e cittadino", ha scritto la ministra su Facebook.

Con questo atto i Comuni interessati avranno la possibilità di avviare la progettazione e definire le attività che i beneficiari del Reddito andranno a svolgere. Il Comune è quindi il titolare dei Progetti Utili alla Comunità e può avvalersi della collaborazione di enti del Terzo settore o di altri enti pubblici. I Puc possono essere svolti in ambito culturale, sociale, artistico, ambientale, formativo e di tutela dei beni comuni, contribuendo "alla costruzione di una comunità migliore".

Reddito di cittadinanza, la novità sui "lavori utili" nei Comuni (occhio ai limiti)

ARRIVANO I LAVORI PER I BENEFICIARI DEL REDDITO - Veniamo ora ai dati. Sono 982mila le domande di reddito e pensione di cittadinanza accolte fino all'8 ottobre 2019, 126mila sono in lavorazione e 415mila respinte o cancellate. Lo comunica l'Inps nel relativo osservatorio. In totale 1,5 milioni di nuclei hanno presentato una domanda, per 2,28 milioni di persone coinvolte (di cui 1,47 milioni tra Sud e isole), con un importo medio mensile pari a 482,36 euro. E' quanto si evince dalle tabelle che accompagnano i dati dell'Inps aggiornati all'8 ottobre. Importo che varia in funzione delle componenti del beneficio: il più alto, 613 euro mensili, risulta quello percepito dai nuclei beneficiari del reddito con a carico un mutuo; quello più basso, 212 euro, da chi ha una Pensione di cittadinanza (per gli over 67) con a carico un affitto.


ARRIVANO I LAVORI PER I BENEFICIARI DEL REDDITO - Da aprile 2019 ad oggi 39mila nuclei sono decaduti dal diritto: i motivi di decadenza sono rinuncia del beneficiario (5% dei nuclei), variazione della situazione reddituale del nucleo (10%), variazione della composizione del nucleo ad eccezione di nascita e morte (37%) e infine variazione congiunta della composizione e della situazione economica del nucleo (48%).

Solo 50mila persone su 700mila finora hanno firmato il patto per l'occupazione. Numeri che sono arrivati al ministero del Welfare dalle Regioni. Di fatto, la cosiddetta "fase 2" del reddito di cittadinanza (quella tesa a facilitare l'ingresso o il reingresso nel mondo del lavoro) non decolla e si è incagliata sulla parziale attivazione al lavoro. A quasi sette mesi dal primo assegno, infatti, solo 200mila "occupabili" sono stati contattati dai centri per l'impiego e, di questi, solo 70mila hanno sostenuto almeno un primo colloquio. Ma solo 50mila hanno sottoscritto il patto per il lavoro, vale a dire il 7% degli aventi diritto. Se rifiuteranno le tre proposte di lavoro previste, vedranno decadere il loro diritto al reddito di cittadinanza.

Sono i dati di un primo monitoraggio "non completo" delle Regioni sui beneficiari del reddito di cittadinanza chiamati dai centri per l'impiego per procedere con la cosiddetta fase due, ha spiegato l'assessore al Lavoro della Toscana e coordinatrice della Commissione lavoro della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, Cristina Grieco, al termine dell'incontro con la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo che si è tenuto a Roma il 21 ottobre nela sede del dicastero a via Flavia. "Un grande lavoro, a testimoniare che le regioni si sono mosse", ha sottolineato Grieco.

Come si legge sul sito del ministero del Lavoro dedicato al sussidio, per ricevere il reddito di cittadinanza è necessario rispettare alcune "condizionalità" che riguardano l’immediata disponibilità al lavoro, l’adesione ad un percorso personalizzato di accompagnamento all’inserimento lavorativo e all’inclusione sociale che può prevedere attività di servizio alla comunità, per la riqualificazione professionale o il completamento degli studi nonché altri impegni finalizzati all’inserimento nel mercato del lavoro e all’inclusione sociale. Al rispetto di queste condizioni sono tenuti i componenti del nucleo familiare maggiorenni, non occupati e che non frequentano un regolare corso di studi. Si noti che ai sensi dell’articolo 4, comma 15-ter, sono considerati disoccupati i lavoratori a basso reddito, ovvero i dipendenti con redditi da lavoro inferiori a € 8.000 e i lavoratori autonomi con redditi inferiori €4.800.



Articolo letto: 737 volte
Categorie: , Economia, Lavoro, Nuove Leggi, Politica


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook