Lo spietato giudizio di Putin sulla nostra classe politica: “la politica Italiana è MORTA. Una classe politica che si è svenduta ad interessi bassi e privi di senso

Firenze
08:00 del 09/05/2016
Scritto da Luca

Lo spietato giudizio di Putin sulla nostra classe politica: “la politica Italiana è MORTA. Una classe politica che si è svenduta ad interessi bassi e privi di senso. In Russia alcuni di loro sarebbero già morti”!!

– Da Mosca le parole durissime del Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin nei confronti del governo Italiano.

Dal Cremlino Putin è stato raggiunto da un giornalista, Mike Underhill, che gli ha sottoposto personalmente diverse domande riguardo le varie politiche internazionali.

Una delle domande sottoposte a Putin è stata quella di descrivere e commentare la “situazione Italiana” in questo momento storico particolarmente difficile. Il presidente ha risposto energicamente e duramente alla domanda sostenendo che la politica Italiana sia “morta”.


Una delle tesi proposte da Putin è quella che i politici Italiani, essendo governanti di uno Stato da un irrilevante peso internazionale, si siano svenduti ai migliori offerenti.

In questo caso si riferisce alla questione Franco-Tedesca oltre a quella Americana, che secondo il presidente ha schiacciato e annullato qualsiasi potere politico Italiano nei confronti della comunità internazionale.

A proposito della corruzione dilagante italiana, Putin esprime un pensiero sulla classe politica del Bel Paese: ” Io amo l’Italia, uno dei paesi più affascinanti del mondo. Un posto magnifico che ho avuto il piacere di conoscere” – ” Mi dispiace vedere che in Italia la classe politica si sia svenduta ad interessi bassi e privi di senso. In Russia a meno che non si parli di cifre davvero indicibili, i nostri dirigenti preferiscono perseguire gli interessi della Nazione piuttosto che  quelli personali.” – ” Ho sentito parlare di uomini politici italiani avere accettato mazzette da manager di banche e istituti di credito Tedeschi affinché votassero o meno proposte di legge fondamentali – Questo in Russia non potrebbe accadere – Quando noi dirigenti abbiamo anche un solo sospetto di corruzione legata a un nostro politico questo è tenuto a dimettersi immediatamente” e conclude: “Noi russi amiamo la nostra coscienza nazionale, la storia ce lo insegna, e dunque qualsiasi politico si azzardasse a tradire la fiducia del suo popolo questo rischierebbe seriamente la morte” e infine: ” I Politici Italiani? In Russia alcuni di loro sarebbero già morti”


Spiazzanti, dure e assordanti le parole proferite da Putin, uno dei capi politici più carismatici ed amati del nostro tempo. Una lezione di politica alla nostra classe dirigente ma anche a noi Italiani.

Sì, perchè, in sostanza, Putin ritiene non meritevole un popolo che oltraggiato, non riesce a farsi sentire.

Questa nient’altro che l’ennesimo atto di derisione da parte di altre nazioni. Riuscirà un giorno l’Italia a ergersi quale grande potenza, svestendo il ruolo da “ultimo della classe” quale ricopre ormai da molto tempo?  Ai posteri l’ardua sentenza.


Articolo letto: 21960 volte
Categorie: Denunce, Esteri, Politica


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook