Porte Milano - Le porte interne sono elementi indispensabili in una casa: separano e uniscono gli ambienti, ma possono anche diventare significativi elementi d’arredo.

Milano
23:00 del 11/03/2017
Scritto da Samuele

Porte Milano - Le porte interne sono elementi indispensabili in una casa: separano e uniscono gli ambienti, ma possono anche diventare significativi elementi d’arredo. Scopriamo in questo articolo i materiali e le tipologie delle porte da interno, ma anche le caratteristiche e gli stili delle maniglie di cui possono essere dotate; vedremo le varie tipologie disponibili sul mercato, i meccanismi che le caratterizzano, le decorazioni che possono presentare, e troverete anche tanti consigli pratici per l’acquisto.

SCEGLIERE LE PORTE INTERNE

Le porte interne di una casa hanno molteplici funzioni. Sceglierle bene significa ottenere qualità come robustezza, durata nel tempo ed estetica accattivante. Esistono infatti diverse tipologie di porte adattabili ad ogni esigenza visiva e di spazio; molteplici sono i materiali e le finiture da poter scegliere

Le porte della serie Syntesis di Eclisse a tecnologia filomuro possono essere dipinte dello stesso colore della parete nascondendosi perfettamente alla vista, il fondo in poliesterato garantisce un'alta resistenza all'acqua e durata nel tempo oltre a una resa estetica elevata.
La porta scorrevole può essere interno o esterno muro. La scorrevole interno muro, a scomparsa, quando aperta viene ospitata totalmente all'interno della parete, non rappresentando alcun ingombro, può avere la cornice oppure scomparire totalmente lasciando semplicemente un passaggio.
La scorrevole esterna corre lungo la parete su un binario o un bastone fissato alla parete stessa, è una porta decorativa e che ha bisogno di uno spazio libero sulla parete che la ospita per permetterne l'apertura senza ostacoli.
Ci sono poi altri sistemi di porte come quelle a soffietto, oppure aperture particolari per porte scorrevoli che si impacchettano permettendo un minore ingombro nel muro, ma sono soluzioni più costose e tecnologicamente complicate da scegliere in casi particolari.
La porte pieghevoli di Bertolotto Porte  sono formate da due ante che si ripiegano a libro, con rapporto tra le parti a metà o 1/3 e 2/3; questa tecnologia permette di occupare uno spazio minimo all'interno della stanza senza ricorrere a soluzioni a scomparsa.
Come scegliere il modello di porta interna

I modelli  e i sistemi a disposizione sono molti e la scelta andrà valutata volta per volta in base allo spazio a disposizione, alle aperture, alle dimensioni volute, al costo che si vuole sostenere e all'estetica.
Valutazioni dimensionali per la scelta del sistema di apertura

Per una buona progettazione degli spazi interni dell'alloggio bisogna prendere in considerazione ogni apertura e lo spazio che si ha a disposizione nei due ambienti da cui è separata, e quindi valutare cosa può comportare l'ingombro di una porta che apre.
Bisogna considerare poi la dimensione dell'apertura che si desidera tenendo conto che per le porte interne è bene avere 80 cm di luce netta di passaggio, che possono diventare 70 cm nei bagni o nelle porte di accesso a ripostigli o sottoscala; è opportuno tenere conto anche del fatto che il passaggio per disabili deve essere minimo 80 cm.
Nel considerare il passaggio netto bisogna tenere presente che a parità di luce netta le porte scorrevoli hanno bisogno di maggiore spazio sulla parete, dovendo questa contenere il cassonetto; ad esempio per una scorrevole interno muro di 80 cm si dovrà avere uno spazio libero della parete di almeno 171 cm.
Le porte scorrevoli interno muro sono sicuramente la soluzione migliore per la gestione dello spazio a disposizione, quando sono aperte non hanno nessun ingombro e quindi lasciano totale libertà di arredo; possono anche essere a due ante e quindi avere due cassonetti di minori dimensioni ai due lati dell'apertura.
L'unica cosa di cui tenere conto è che dove la parete contiene il cassonetto non potranno essere fissati mobili o passati impianti, sia idraulici che elettrici, tranne in rari casi di sistemi pensati appositamente.
La porta scorrevole esterna invece si utilizza quando non è possibile installare un cassonetto interno alla parete, dove le dimensioni non lo permettono per diverse ragioni; l'ingombro quando la porta è aperta è minimo perché questa si addossa alla parete, però condizionerà l'arredo in quanto bisognerà considerare di avere un tratto di muro completamente libero per permettere lo scorrimento della porta.
Le porte a soffietto, a libro o con tecnologie di piegatura particolari sono da utilizzare in quei casi in cui lo spazio è molto ridotto e non è possibile installare né una battente né una interno muro standard.
L'altezza standard delle porte interne è di 210 cm, questa può aumentare dove si desidera un maggiore passaggio e una maggiore luce visiva quando la porta è aperta


Articolo letto: 107 volte
Categorie: , Guide


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook