Nei mesi scorsi l'Ungheria e' stata fortemente criticata per aver creato campi in cui tenere immigrati e richiedenti asilo ma il governo ungherese non si e' fatto intimidire e ha continuato per la sua strada visto che il suo principale obiettivo e' quello di tutelare gli interessi dei suoi cittadini.

Palermo
10:13 del 26/04/2017
Scritto da Samuele

Nei mesi scorsi l'Ungheria e' stata fortemente criticata per aver creato campi in cui tenere immigrati e richiedenti asilo ma il governo ungherese non si e' fatto intimidire e ha continuato per la sua strada visto che il suo principale obiettivo e' quello di tutelare gli interessi dei suoi cittadini.

Ebbene nei giorni scorsi e' emerso che anche la Polonia sta considerando di seguire l'esempio ungherese e creare aree vicino ai suoi confini dove detenere immigrati e richiedenti asilo.

Nonostante abbia ricevuto soltanto 25mila domande tra il 2015 e il 2016 il governo polacco sta pensando di rinchiudere chiunque arrivi in Polonia illegalmente in aree speciali dotate di container e circondate da filo spinato per tutto il periodo in cui le domande di asilo non vengono esaminate.

I ministri hanno dichiarato che tali campi verranno usati solo se c'e' una crisi migratoria che potrebbe avvenire nel caso in cui la Turchia decida di abbandonare la sua promessa di bloccare il flusso di immigrati e inoltre hanno sottolineato che campi simili esistono in Francia e Germania e comunque non rimarrebbero per piu' di un mese.


Questo piano e' molto popolare tra i cittadini polacchi, infatti in un recente sondaggio il 74% di essi ha dichiarato di essere contrario all'arrivo di nuovi immigrati, ma le varie organizzazioni umanitarie hanno usato parole pesanti per criticare questa iniziativa.

Per quanto riguarda l'Unione Europea il responsabile per l'immigrazione Dimitris Avramopoulos ha dichiarato che la UE invece di vietare questi campi inviera' ispettori per garantire il rispetto dei diritti umani dei richiedenti asilo.

Tale posizione morbida nasce dal fatto che al momento Polonia e UE stanno lottando su diversi campi e visto che la UE non puo' affrontare tante guerre diplomatiche contemporaneamente ecco che sulla questione dei campi non fara' che assecondare i desideri del governo polacco.

Certo che Polonia e Ungheria non vogliono essere invasi e quindi non deve sorprendere che, al contrario dell'Italia, vogliano usare la linea dura per proteggere i loro confini e non sorprende neanche che questa notizia, riportata dal Daily Express, sia stata censurata in Italia perche' darebbe parecchio fastidio a tutte le coop che si stanno arricchendo con questi sbarchi.

Noi ovviamente non ci stiamo e abbiamo riportato questa storia perche' vogliamo che l'italia prenda esempio da questi due paesi.

Da: QUI


Articolo letto: 510 volte
Categorie: , Denunce, Esteri, Sociale


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi dell'immigrazione?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Paolo

26/04/2017 12:32:16
E una nazione che si rispettano le regole come dovrebbero fare pure il governo italiano visto che c'è tanta merda di corruzione non andremo mai avanti siamo diventati un paese di immigrati e basta che vergogna .
5

Giovanna

26/04/2017 10:29:37
Certo che queste nazioni sono tutte molto "rassiste", osano chiudere i confini per la paura del terrorismo? Ma come sono messe? Per fortuna ci siamo noi che abbiamo i confini sempre aperti, anzi apertissimi
5

Ricerche correlate

Polonia - Immigrati - profughi - immigrazione - clandestini - PD - Politica - Sociale - ROM - Video -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook