Poletti , il problema non è se sono più o meno furbi o intelligenti quelli che vanno o quelli che restano , nemmeno il suo pensiero profondo che chi se ne va ci fa solo un piacere, il problema siete VOI, incapaci di creare un terreno fertile per consentire ai nostri cervelli, alla loro produttività e fantasia, di rimanere qui e portare innovazione e benessere entro i nostri confini.

Firenze
05:40 del 20/12/2016
Scritto da Carmine

Poletti , il problema non è se sono più o meno furbi o intelligenti quelli che vanno o quelli che restano , nemmeno il suo pensiero profondo che chi se ne va ci fa solo un piacere, il problema siete VOI, incapaci di creare un terreno fertile per consentire ai nostri cervelli, alla loro produttività e fantasia, di rimanere qui e portare innovazione e benessere entro i nostri confini.
Ho letto di varie stime ma la più contenuta parla di almeno un miliardo di euro persi a causa della fuga di cervelli.
Da notare come sia i cervelli che i politici fuggano all'estero ma con la sostanziale differenza che i politici fuggono dalla giustizia e dalle condanne, i cervelli da un paese che li schiaccia, li sfrutta e non da loro alcuna prospettiva, sempre in mano ai politici di cui sopra...
LEI e il suo beniamino Renzi siete stati capaci solo di dare ulteriori problemi a chi lavora, agevolando invece chi i lavoratori li sfrutta.
Non si deve dimettere per quello che ha detto ma per quello che ha fatto...e con lei sono in parecchi che dovrebbero sparire dalla scena politica e se ci fosse una giustizia, finire a lavorare in qualche miniera di carbone.

Centomila giovani se ne sono andati dall’Italia? Sì, ma “non è che qui sono rimasti 60 milioni di pistola. Conosco gente che è andata via e che è bene che stia dove è andata, perché sicuramente questo Paese non soffrirà a non averli più fra i piedi”. Anzi, no, “mi sono espresso male: penso, semplicemente, che non è giusto affermare che a lasciare il nostro Paese siano i migliori e che, di conseguenza, tutti gli altri che rimangono hanno meno competenze e qualità degli altri”. Se Matteo Renzi aveva bollato più volte la fuga dei cervelli come mera “retorica”, il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, cala l’asso e dice di peggio. Salvo poi fare dietrofront una volta che la notizia viene rilanciata sulle agenzie e, immancabilmente, a valanga sui social.

Ecco le prime dichiarazioni. Fase uno a ruota libera: Poletti parla con i giornalisti a Fano della fuga dall’Italia di tanti ragazzi in cerca di occupazione, poche ore dopo avere commentato il boom dei voucher. Che hanno gonfiato le file dei precari. Prima saluta con sollievo la fuga di alcuni che il Paese non avrà più “tra i piedi”, poi prosegue: “Intanto bisogna correggere un’opinione secondo cui quelli che se ne vanno sono sempre i migliori. Se ne vanno 100mila, ce ne sono 60 milioni qui, sarebbe a dire che i 100mila bravi e intelligenti se ne sono andati e quelli che sono rimasti qui sono tutti dei ‘pistola‘. Permettetemi di contestare questa tesi“. Detto questo, ha concluso il ministro del Lavoro, “è bene che i nostri giovani abbiano l’opportunità di andare in giro per l’Europa e per il mondo. E’ un’opportunità di fare la loro esperienza, ma debbono anche avere la possibilità di tornare nel nostro Paese. Dobbiamo offrire loro l’opportunità di esprimere qui capacità, competenza, saper fare”.


Succede però che le sue parole rimbalzano ovunque: in agenzia, sui social. Con commenti durissimi: si va dagli utenti disgustati che chiedono le sue dimissioni e che a levarsi dai piedi sia lui, fino a chi gli rivolge il francesismo coniato da Giachetti per Speranza. Arrivano anche gli attacchi dei colleghi di sinistraCivati: “Visto che i giovani hanno votato in massa no al referendum costituzionale, la linea di Poletti è quella di fargliela pagare con dichiarazioni insulse e rancorose, di bassissimo profilo trattandosi di un ministro della Repubblica. Incommentabile”. Poi c’è Vendola, che ricorda al ministro come “la fuga all’estero di centinaia di migliaia di giovani” sia “un drammatico impoverimento del Paese”. Non solo: “Il ministro Poletti – continua – dice che va bene se ce li togliamo dai piedi. Penso che andrebbe bene se ci togliessimo dai piedi il ministro Poletti“. Allineata alla sinistra anche Barbara Saltamartini della Lega: “A voler adeguarci al linguaggio del signor ministro del Lavoro si potrebbe dire che il vero ‘pistola’ è lui, considerando il tenore delle sue affermazioni. Ora la colpa è dei giovani che sono andati all’estero per cercare lavoro e non di un governo di ciarlatani“.

Poi, però, Poletti fa dietrofront. “Evidentemente mi sono espresso male e me ne scuso – dice -. Non mi sono mai sognato di pensare che è un bene per l’Italia il fatto che dei giovani se ne vadano all’estero. Penso, semplicemente, che non è giusto affermare che a lasciare il nostro Paese siano i migliori e che, di conseguenza, tutti gli altri che rimangono hanno meno competenze e qualità degli altri. Ritengo, invece, che è utile che i nostri giovani possano fare esperienze all’estero, ma che dobbiamo dare loro l’opportunità tornare nel nostro paese e di poter esprimere qui le loro capacità e le loro energie”. Parole tardive, che arrivano dopo dichiarazioni che per tanti rimangono “incommentabili”. Vale la prima, non le scuse. E per gli utenti su Twitter la soluzione è una sola: le dimissioni.


Articolo letto: 316 volte
Categorie: , Denunce, Lavoro, Politica


Domanda Rank Italia
Dai una tua valutazione sulle parole del ministro Poletti
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Alfonsina

20/12/2016 10:37:43
ma come ti permetti Poletti. tu sei un emerito pirla, ma forse sarebbe stato meglio che saresti scappato tu via dall'Italia certo non ti rimpiangeremo.
6

Michelangelo

20/12/2016 07:55:20
Vivono alla grande a scrocco e si permettono anche di denigrare chi li mantiene. Dovrebbero baciare il deretano a tutti e non esternare facezie senza senso.
6

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook