Chi cerca lavoro sappia che avrà più opportunità «a giocare a calcetto che a mandare in giro i curricula». Perché, ha spiegato ieri il ministro del Lavoro Giuliano Poletti agli studenti bolognesi dell' istituto Manfredi-Tanari, in ambito lavorativo conta soprattutto «il rapporto di fiducia». Altro che meritocrazia, insomma, meglio farsi amico chi può darti un impiego.

Firenze
11:15 del 28/03/2017
Scritto da Luca

Chi cerca lavoro sappia che avrà più opportunità «a giocare a calcetto che a mandare in giro i curricula». Perché, ha spiegato ieri il ministro del Lavoro Giuliano Poletti agli studenti bolognesi dell' istituto Manfredi-Tanari, in ambito lavorativo conta soprattutto «il rapporto di fiducia». Altro che meritocrazia, insomma, meglio farsi amico chi può darti un impiego.

E infatti la frase ha subito infuocato i social e richiamato altre espressioni discutibili del politico emiliano. Come l' invettiva del dicembre scorso contro i cervelli in fuga («meglio non averli tra i piedi») che fece scattare da più parti la richiesta di dimissioni. Anche se in serata Poletti ha diffuso una nota per «chiarire che non ho mai sminuito il valore del curriculum» e per rimarcare «l' utilità delle esperienze che si fanno anche fuori da scuola».

Vista la metafora usata dal ministro, la polemica politica si è trasformata in una disputa calcistica. «Caro #Poletti, il lavoro non si conquista con il calcetto, anche perché tu da ministro non hai dimostrato di essere #Maradona» ha scritto su Twitter il deputato di Mdp Arturo Scotto.


«Anche Buzzi giocava a calcetto?» ha chiesto velenoso il deputato pentastellato Alessandro Di Battista, tirando in ballo il personaggio di Mafia Capitale pizzicato a tavola con il ministro, mentre per i portavoce M5S «da Poletti arriva l' ennesimo intervento a gamba tesa e, è il caso di dirlo, un calcio in faccia ai molti giovani disoccupati. È da cartellino rosso».

Anche Antonio Misiani, deputato Pd (corrente orlandiana, non renziano come il ministro), ha tirato le orecchie a Poletti. «Certe affermazioni sono quanto meno discutibili, soprattutto se pronunciate da chi di lavoro si deve occupare istituzionalmente. Se il ministro Poletti voleva fare dell' ironia, l' hanno capita veramente in pochi».

Dal governo nessuna reazione e nello stesso Pd a caldo si preferisce sorvolare e dedicarsi al confronto congressuale. Ma la frase di Poletti non passerà sottotraccia. Anche se il ministro a Bologna, oltre alla battuta incriminata, aveva tenuto a ribadire l' importanza del percorso di alternanza scuola-lavoro. «Questi rapporti - la sua sottolineatura - fanno crescere il tasso di fiducia e quindi le opportunità lavorative».

Dago


Articolo letto: 499 volte
Categorie: , Denunce, Economia, Lavoro, Politica, Sociale


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi delle parole di Poletti?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Paolo

28/03/2017 12:47:54
Questo perché molti giovani preferiscono farsi raccomandare piuttosto che farsi valere e Poletti ne è un esempio.
6

Carola

28/03/2017 12:26:21
Ha ragione il ministro bovaro. È meglio ingraziarsi qualcuno che mandare cv. Un pò come ha fatto mr montezuma con l'avvocato. Ma anche lui stesso, oppure la ministra sua collega. Lui un modesto bovaro appena diplomato, l'altra manco quello. Che tristezza. E questo sarebbe il nuovo pd. Quello di frottolo e del suo seguito. Non ho parole.
5

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook