Iniziativa di Greenpeace estesa anche a fiumi e laghi

Cagliari
09:56 del 22/08/2019
Scritto da Luca

ECCO COME FARE PER SEGNALARE RIFIUTI IN SPIAGGIA CON WHATSAPP - Trovate rifiuti di plastica in spiaggia e non sapete che fare? Potete segnalarli a Greenpeace tramite Whatsapp.

Si chiama Plastic Radar ed è il servizio di Greenpeace, via Whatsappper segnalare la presenza di rifiuti di plastica sulla spiagge, sui fondali del mare o in superficie sull’acqua. Non è una novità, questo sistema era stato già lanciato lo scorso anno e ora torna per l’estate. L’elemento in più di questa edizione è la possibilità di segnalare anche i rifiuti di plastica presenti nei fiumi e nei laghi.

ECCO COME FARE PER SEGNALARE RIFIUTI IN SPIAGGIA CON WHATSAPP - Il mondo in cui funziona Plastic Radar è molto semplice, è sufficiente avere uno smartphone con l’applicazione Whatsapp installata e, quando si trovano dei rifiuti di plastica in spiaggia, nel mare, in un fiume o al lago, basta segnalare la loro presenza a Greenpeace scattando una foto con il proprio smartphone e poi inviarla via Whatsapp al numero +39 342 3711267. 

ECCO COME FARE PER SEGNALARE RIFIUTI IN SPIAGGIA CON WHATSAPP - Nel messaggio, oltre alla foto in cui l’oggetto segnalato deve essere riconoscibile, si deve indicare il tipo di rifiuto, il luogo dove è stato trovato, con le coordinate geografiche, e se possibile anche il marchio l’azienda produttrice dell’oggetto.
La chatbot di Plastic Radar, spiega ancora Greenpeace, porrà successivamente delle domande per reperire le informazioni necessarie per registrare e validare la segnalazione. I dati saranno disponibili in forma aggregata - nell'arco di 24-48 ore - sul sito plasticradar.greenpeace.it "Nella nostra recente spedizione di ricerca e documentazione 'Mayday Sos Plastica' nel Tirreno - spiega Giuseppe Ungherese, responsabile della Campagna Inquinamento di Greenpeace Italia - abbiamo verificato che i nostri mari e le nostre spiagge sono soffocate dalla plastica. Tra i punti più contaminati la foce del Sarno, a conferma che i fiumi sono una delle principali vie di ingresso dei rifiuti in mare. Per questo raccogliamo anche segnalazioni relative alla presenza di rifiuti in plastica lungo fiumi e laghi".
L'iniziativa lanciata l'anno scorso, ricorda Ungherese, "ha avuto un enorme successo con oltre 6.800 segnalazioni valide e ci ha aiutato a far luce sui rifiuti in plastica più presenti nei mari italiani. La maggior parte erano prodotti usa e getta, in primis bottiglie di plastica di grandi aziende che continuano a immettere sul mercato enormi quantitativi di plastica usa e getta non assumendosi alcuna responsabilità circa il suo corretto riciclo e recupero".

Articolo letto: 449 volte
Categorie: , Ambiente, Tecnologia


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook