Lucca: davvero triste la storia che ha portato, purtroppo, all’arresto di Anna Maria Frangioni.

Lucca
07:30 del 29/09/2017
Scritto da Gregorio

Lucca: davvero triste la storia che ha portato, purtroppo, all’arresto di Anna Maria Frangioni. Pochi giorni prima, infatti, la banca aveva pignorato la casa dei due genitori disabili. In particolare la madre, la signora Carla Perla, 82 anni, non è in grado di deambulare autonomamente, e, ormai alla fine della sua vita, ha vissuto con enorme dolore tutto l’accaduto.
Nella giornata di ieri, Anna Maria Frangioni si è recata in banca a chiedere un po’ di comprensione, e anche un accordo diverso, per garantire ai suoi genitori una fine dignitosa.


Ma, come tutte le altre volte, si è vista sbattere la porta in faccia. Per questo, inun impeto di follia, è tornata con un bidone pieno di benzina e, dopo averla sparsa un po’alla rinfusa, ha appiccato un incendio che si è rapidamente propagato all’interno della banca. Due persone sono rimaste lievemente ustionate, grazie anche all’intervento dei vigili del fuoco non c’è stata alcuna grave conseguenza.

La donna è stata arrestata , e su di lei pendono accuse gravissime, come incendio doloso e tentato omicidio. Il giudice ha stabilito gli arresti domiciliari in attesa di istituire il processo.

Un’altra vittima del nostro folle sistema bancario che tutela come sempre le banche e non le persone. 

Da: QUI


Bufala del webQuesta notizia è una bufala del web. Italiano Sveglia!!

Articolo letto: 2062 volte
Categorie: , Bufale


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Pignoramento - banche - economia - truffa - Lucca - Lucca news - cronaca -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook