Durante l'E3 2017, Konami ha mostrato al pubblico una corposa presentazione di PES 2018, nuovo episodio di una saga da anni alla ricerca degli antichi splendori.

Cagliari
11:00 del 04/07/2017
Scritto da Sasha

Durante l'E3 2017, Konami ha mostrato al pubblico una corposa presentazione di PES 2018, nuovo episodio di una saga da anni alla ricerca degli antichi splendori. La versione modificata del Fox Engine è ormai una costante della serie, tecnologia in grado di garantire un impatto visivo davvero superlativo.

Durante l'evento di presentazione, in quel di Milano, abbiamo potuto testare le novità introdotte per l'occasione con una demo dalla build piuttosto avanzata, a parte per qualche problema legato alla IA. Di seguito, le nostre prime impressioni su PES 2018

Kei Masuda, Akane Oyagi e Adam Bhatti sono i ciceroni che hanno speso diverse parole sul nuovo Pro Evolution Soccer. I tre anni spesi nella nuova generazione di console hanno permesso al team di sviluppare un titolo finalmente in grado di competere con FIFA e basato su un motore grafico capace di riprodurre modelli poligonali incredibilmente vicini alla controparte reale.

Dopo aver ricordato la presenza come bonus preorder di Usain Bolt come Agente per la modalità MyClub e di Diego Armando Maradona come Ambassador del gioco, Konami conferma ancora una volta la modalità 3VS3, sottolineando l'importante possibilità di affrontare l'esperienza calcistica in coop. La Beta Version, fissata per i giorni dal 20 al 31 luglio su Playstation 4 e Xbox One, darà modo di testare proprio la sezione 3VS3, da approfondire assolutamente.


Prima di concentrarci sulla prova diretta del gioco, e quindi del feeling restituito dai classici match, l'evento prevedeva una presentazione utile a ribadire i punti di forza di PES 2018, che riguardano principalmente migliorie a features già esistenti, quali il Real Touch e la veste grafica del calcistico Konami. I Super 7, cosi ci vengono descritti; parliamo dei sette elementi principali che caratterizzano l'esperienza di gioco, e che alla fine vanno a comporre un quadro dalle linee marcate e già quasi definite. Partiamo dal principio: le animazioni "base" di Pro Evolution sono state riscritte da zero, questo perché lo scopo ultimo è quello di riuscire a proporre, pad alla mano, un senso di realismo ed immersività senza precedenti. Stop, passaggio, tiro, corsa, ora tutto è più fluido e i movimenti più legati tra di loro, con il risultato finale che migliora notevolmente quanto visto gli scorsi anni. C'è poi il Real Touch+, questa volta utile non solo al controllo della palla ma anche alla protezione di quest'ultima: in questo modo anche i giocatori più esili potranno difendersi dagli attacchi dei fisici più imponenti. La fisica della palla è stata migliorata, cosi come il comportamento e i movimenti dei portieri: l'azione è più credibile, e la partita in se diventa molto più viva e -passateci il termine- televisiva. Insomma il calcio targato Konami non è mai stato cosi fluido e bello da vedersi, grazie a un Fox Engine che aiuta a creare modelli poligonali pazzeschi, che mutano nel corso della partita, facendo trasparire emozioni e sensazioni. A livello strutturale PES 2018 proporrà la nuova modalità cooperativa, ovvero il 3vsCPU, oltre che il 3vs3 e il 2vs2. Quest'ultime faranno parte anche della PES League, come a dimostrazione del fatto che il brand vuole avere un occhio di riguardo anche per l'ambito più competitivo. Ci sono altre novità, che potrete scoprire nella beta che arriverà dal 20 al 31 luglio, su PS4 e Xbox One: la build comprenderà ovviamente i quick match, e la nuova modalità 3vs3. L'ultima precisazione riguarda Usain Bolt, e la possibilità di utilizzarlo in PES: il pluri campione olimpico sarà ottenibile solo tramite preorder, e non sarà rilasciato in seguito. Se volete quindi divertirvi con l'eccentrico atleta, sarà meglio che vi buttate immediatamente sul preordine. Per quanto riguarda la modalità in cui sarà disponibile Bolt, vale quello che vi avevamo anticipato nella scorsa anteprima: sarà esclusiva MyClub.



Real Touch+
Finita l'esaustiva presentazione, ci riversiamo immediatamente nella sala adibita alla prova concreta. Abbiamo giocato su postazioni PS4 e PC, per cercare di capire quali differenze segnano il confine tra uno e l'altro hardware. Possiamo dire con certezza che la versione Personal Computer si spinge oltre quella console, grazie a texture più rifinite e una fluidità invidiabile ma, come anticipato nel paragrafo precedente, anche il colpo d'occhio su console è davvero ottimo. La caratteristica principale del gameplay è invece un ritmo ancor più lento rispetto al 2017, che aiuta moltissimo fasi di gioco più ragionate e tattiche meglio ponderate. C'è ancora qualcosa da sistemare in termini di IA e sopratutto di comportamenti della difese, con i classici svarioni che talvolta colpiscono le menti distratte dei difensori. Non spaventiamoci però, nel corso della nostra intervista (che pubblicheremo in questi giorni) ci è stato assicurato che questo è uno degli aspetti ancora leggermente work in progress: l'obbiettivo è quello di dare alla fase offensiva e difensiva lo stesso feeling organizzativo, evitando cosi episodi imbarazzanti che rischiano di innervosire l'utenza più attenta. Per il resto, PES 2018 è senza dubbio un ottimo gioco: divertente, appassionante, impegnativo. Quella dell'autunno 2018 è una sfida che promette di coinvolgere e non annoiare: i due giganti della simulazione calcistica videoludica stanno per scontrarsi, e siamo sicuri che sarà una partita la cardiopalma


Articolo letto: 23 volte
Categorie: , Videogames


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook