LA MADIA HA COPIATO la tesi. Della Fedeli non si riesce a capire nemmeno se ha la terza media.

Roma
07:00 del 05/02/2018
Scritto da Luca

LA MADIA HA COPIATO la tesi. Della Fedeli non si riesce a capire nemmeno se ha la terza media.

Però va bene come ministro della pubblica istruzione, e chi con cinque anni di studi universitari, ha conseguito la laurea con centodieci e lode in storia dell'arte: non può partecipare al concorso da insegnante, perché viene richiesto la perfetta conoscenza dell'inglese.

Vorremmo sapere dalle massime autorità dello Stato a che giogo si sta giocando. 1) perché l'inglese non era previsto nel corso degli studi; 2) da tutti gli insegnanti conosciuti ha ricevuto sempre insegnamento in lingua Italiana, e se vincesse il concorso, dovrebbe insegnare sempre con la stessa lingua Italiana. Che poi l'inglese sia utile come cultura personale e indispensabile per una eventuale carriera, non ci sono dubbi. Ma che si debba imporre per parlare l'Italiano, c' è qualcosa non concepibile in uno Stato democratico e di diritto come mi auguro che sia il nostro.


Ingegno e furbizia in ogni azione. Si vogliono insabbiare le inchieste, si fa una commissione che finisce "a tarallucci e vino"; si vuole ottenere una qualche cosa, anche la più semplice, bisogna rivolgersi (come nel romanzo) al portiere, che non c' è mai, al sostituto portiere che non ha tempo, al vicesostituto portiere che attende disposizioni ed a quello che è sempre a disposizione per avvicinare, non disinteressatamente, i primi tre.

Sempre la stessa patetica storia..... l'istruzione è un male necessario per procurarsi qualche orpello da esibire ......qualche timbro da mostrare o per accreditarsi come "competente". E' il paese delle patenti non conta chi te le da, non conta se le hai comprate importa solo che tu le abbia. Ma anche in questo sfascio c'è chi trova conveniente aggirare l'asticella anche se questa è a terra; una sindrome tutta italiana di essere più scaltro e paraculo di tutti. Vi ricordate quel fantastico personaggio che per anni ci propinava lezioni di economia in TV, col bastone da passeggio, le ghette e il monocolo che vantando titoli accademici mai conseguiti ci spiegava i significati nascosti delle varie congiunture economiche? Alla fine si scoprì che era un signor nessuno armato di tanta faccia tosta e (forse) di amicizie potenti. Come direbbe qualcuno, che ha fatto della cialtroneria uno standard della classe dirigente di questo paese, "Ecco l'Italia che amo"


Articolo letto: 89 volte
Categorie: , Cronaca, Denunce, Politica


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook