Scopri la pasta made in Italy. Ecco una lista con 47 aziende italiane che utilizzano il 100% di grano coltivato sul nostro territorio, al riparo da contaminazioni.

Milano
08:00 del 20/10/2018
Scritto da Gregorio
Quante volte sugli scaffali dei supermercati vi è capitato di leggere “pasta made in Italy”? Non tutti sanno però che la pasta di produzione italiana non è solo quella che viene realizzata in stabilimenti locali, ma è anche quella che viene prodotta con il 100% di grano coltivato sul nostro territorio.
Ma come fare a riconoscerla? Il Fatto Alimentare, grazie alle segnalazione dei consumatori, ha pubblicato una lista di 40 marche che producono la pasta al 100% italiana.
La pasta italiana su scala nazionale
La pasta inserita nella lista è prodotta a livello locale, oppure all’interno di una filiera mady in italy di brand nazionali. Ciò che emerge è che solo un marchio nazionale utilizza semola coltivata al 100% in Italia per la pasta che produce: la Voiello. Una scelta che l’azienda ha adottato un paio di anni fa e che si è evince facilmente dal prezzo.
La Voiello infatti è un po’ più cara, arrivando a costare orientativamente intorno ai 2,5 euro al chilogrammo rispetto all’1,5 euro della concorrenza.

Perché importare la pasta
La pasta è uno dei fiori all’occhiello della nostra economia, un elemento identitario che contraddistingue l’Italia nel mondo. Perché le aziende la importano? Perché la produzione sul territorio non riesce a soddisfare l’intero fabbisogno nazionale di cereali e semi oleosi, ma ne copre al massimo un 50%. L’Italia importa dunque più del 50% del grano tenero (destinato ai prodotti da forno come pane, pizze…) e fino al 40% di grano duro (con cui si produce la pasta).
Quindi, importare il grano risulta indispensabile. Ciò che è importante verificare è che il prodotto importato superi i sistemi di controllo rigidi e gli standard di sicurezza, così da tutelare la salute dei consumatori.
Come tutelarsi quando si sceglie la pasta
Negli ultimi anni, l’Unione Europa ha stabilito dei parametri stringenti e controlli severi per garantire che la pasta importata sia priva di contaminazioni. Scegliere un prodotto 100% italiano è però la scelta più pratica, perché non ci costringe a prestare attenzione alle etichette per verificare provenienze varie. Per tanto, guardiamo insieme questa lista.
Afeltra
Auchan
Pasta Baronìa
Pasta Cocco
Coop ViviVerde
Di Martino Pastificio
Felicetti Grano duro biologico
Felicetti Monograno
Gentile Pastificio
Granoro Dedicato
Azienda agraria Guerrieri
Iris Pasta biologica
Italiamo Lidl
Palandri Pastificio
Pasta Jolly
Pasta Riccio, marca di Tuodì
Pasta Toscana
PrimoGrano azienda Rustichella
Riscossa
Rummo
Sgambaro
Simply, Simply* Bio e Simply* Passioni

Da: QUI


Articolo letto: 905 volte
Categorie: , Salute, Scienze


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook