Con un breve trailer, Bandai Namco ha annunciato One Piece: World Seeker, ovvero quello che sulla carta potrebbe essere il videogioco più ambizioso dedicato a Cappello di Paglia e alla sua ciurma.

Bologna
10:00 del 20/12/2017
Scritto da Alberto

Con un breve trailer, Bandai Namco ha annunciato One Piece: World Seeker, ovvero quello che sulla carta potrebbe essere il videogioco più ambizioso dedicato a Cappello di Paglia e alla sua ciurma.Stupisce, infatti, che una licenza potenzialmente iper redditizia come quella di One Piece non sia mai stata sfruttata pienamente per provare a raggiungere una platea di fan seconda forse solo a quella di Dragon Ball. Negli anni, infatti, sia il manga di Toriyama che Naruto, l'altro eccezionale best seller della scuderia di Bandai Namco, hanno alternato prodotti dalla qualità discutibile ad altri capaci di mettere d'accordo sia il pubblico che la critica.One Piece ha sempre preferito navigare nell'anonimato, non riuscendo mai ad avere un gioco in grado di cogliere uno dei maggiori aspetti dell'opera di Ooda: l'esplorazione. Con One Piece World Seeker Bandai Namco prova a fare proprio questo, ovvero concentrarsi più sulle avventure di Rufy, piuttosto che sui feroci combattimenti.


Per fare questo, ha pensato di sviluppare un'esperienza in tre dimensioni nella quale controlleremo direttamente Cappello di Paglia e lo condurremo lungo un'avventura inedita, alla scoperta di un'isola dominata dalla Marina.L'importante è star attenti a non farsi notare dalla marina, anche se per evitare scontri si può sempre mettere k.o. la guardia nemica con una serie di pugni prima che ci veda. Nella demo, Rufy vaga inarrestabile a gran velocità per la mappa sandbox del gioco, in grado di farci comprendere la scala che si vuole dare al titolo e la sua portata, ma non ci ha certo introdotto nel concreto al sistema di quest e sottoquest che è davvero ancora tutto da scoprire. A parole, l'idea che ci è stata raccontata dagli sviluppatori durante l'evento è quella di un avventura meno legata alle fasi action, ma più vicina all'esplorazione e all'immedesimazione nel protagonista, tanto che per farcela assaporare maggiormente ci hanno comunicato di aver deciso di partire proprio da una storyline originale tangente a quella principale del manga. In questo modo la libertà espressiva del team poteva sviluppare una storia inedita senza alterare il senso di scoperta del giocatore. Dal canto nostro speriamo che essa possa portarci per mare oltre che su una sola isola, così da poter comprendere magari più "mini" saghe al suo interno, parimenti a quanto avviene nell'avventura canonica del manga.


Cosa dobbiamo aspettarci dal combat system?

Altro elemento ancora tutto da scoprire, se non per i brevi scontri a cui abbiamo assistito è il combat-system. Compreso che i combattimenti non saranno centrali nella produzione, in OnePiece World Seeker non potranno non esserci le varie mosse speciali della ciurma di Cappello di Paglia, come tutto l'arsenale gum-gum e i vari gear, e dei suoi acerrimi nemici.  Per questo motivo, speriamo che quanto visto dal trailer, limitato a pochi combattenti peraltro molto deboli, non sia tutto quello che possiamo aspettarci dal gioco, pensando alla scala dei grandi combattimenti che hanno scritto le pagine degli albi di One Piece.


Articolo letto: 30 volte
Categorie: , Videogames


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook