COSA VEDERE AD OGLIASTRA - L’Ogliastra, con la bellezza delle sue coste e del suo interno montuoso è entrata di diritto negli itinerari turistici.

Ogliastra
16:00 del 23/01/2017
Scritto da Gerardo

COSA VEDERE AD OGLIASTRA - L’Ogliastra, con la bellezza delle sue coste e del suo interno montuoso è entrata di diritto negli itinerari turistici. L’origine del suo nome deriva dagli ‘Olivastri’ di cui è ricco il territorio. Altri attribuiscono l'etimologia del termine al monolite a picco sul mare sulla costa di Baunei, chiamato Agugliastra o Pedra Longa. Chilometri e chilometri di costa nella Sardegna più selvaggia, di scogliere a picco segnate da profonde incisioni, cale e spiagge, dei veri gioielli del Mediterraneo.COSA VEDERE AD OGLIASTRA -La provincia dell'Ogliastra è uno dei paradisi naturali del mondo, dove alcune specie faunistiche ed endemismi vengono custoditi gelosamente. Così anche per la Grotta dei Colombi, le insenature di Portu Pedrosu, Portu Quau e le spiagge di Cala Goloritzè, della Punta Ispuligi de Nie: immergendosi nelle grotte dell’Ogliastra scoprirete sifoni sottomarini all'interno della Grotta del Fico, ultimo regno della Foca Monaca. Queste grotte sono misteriosi cunicoli di una terra antica; voragini nascoste e cavità sottomarine che si aprono lungo le falesie della costa di Baunei.
COSA VEDERE AD OGLIASTRA -La provincia dell’Ogliastra si divide tra un interno montuoso e il mare tra roccia e scogliera, da visitare piedi, in bicicletta, a cavallo, in fuoristrada, itinerari di trekking o in barca Le spiagge più belle

L’Ogliastra è uno dei posti più spettacolari della Sardegna dove il mare si fonde armoniosamente con la montagna creando dei paesaggi incantevoli.

Le zone più caratteristiche di Ogliastra sono l’area costiera di Baunei in particolare la località Santa Maria Navarrese situata a metà del golfo di Arbatax, un suggestivo borgo raccolto attorno a un’antica chiesa dell’XI secolo vicino a un’antica torre spagnola. Questa si ricongiunge con la spiaggia di Lotzorai o spiaggia delle Rose di fronte alla quale ammirare la splendida isola di Ogliastra, un isolotto in granito rossastro.

Alle spalle potrete notare il complesso montuoso di Supramonte il baluardo calcareo di questa terra. Nella parte settentrionale della località il paesaggio si fa più aspro e selvaggio caratterizzato da rocce che si affacciano a picco sul mare o che emergono dalle acque.


Tra queste rocce il noto Faraglione della Pedra Longa o Agugliastra. Dalla costa di Baunei si giunge poi allo splendido Golfo di Orosei caratterizzato da insenature nascoste, falesie, grotte e spiagge da mozzare il fiato. La località balneare più grande della zona è Tortolì nei pressi della quale si trova il porto di Arbatax.

Il piccolo centro di Arbatax sorge ai piedi di Capo Bellavista una zona rivestita da una fitta macchia mediterranea in cui ammirare uno splendido faro dalla famosa Torre di Arbatax, l’antica costruzione spagnola del XVII secolo.

Le cale nascoste

Ma iniziamo il nostro percorso dalle calette e le spiagge più belle che affacciano sul golfo di Orosei. Alcune di queste si possono raggiungere tramite dei percorsi sterrati ma sono tutte più facilmente raggiungibili in barca o in gommone. Fra le cale più incantevoli, degna di nota è la Cala di Goloritzè dominata dal Monte Caroddi o Aguglia con un mare incantevole dai riflessi blu e verdi dal quale è anche possibile ammirare un panorama fantastico sul golfo.


Da non perdere la Cala Luna, una spiaggia dal particolare fascino per via della natura selvaggia di cui si caratterizza , dalle sabbie bianchissime e da un mare dall’acqua il cui colore è blu intenso. La cala è circondata da una falesia calcarea in cui si trovano sei famose caverne che affacciano poi sulle spiagge.

La Cala Gonone, Cala Fuili una meta perfetta per gli amanti dell’avventura e del free-climbing. Tra le calette più note da non perdere la Cala degli Innamorati attorno a Monte Santu dove ci sono le falesie dei Falchi. Da non perdere ancora Cala Scirocco, Cala

Tramontana, la Grotta della Contessa, Cala dei Gabbiani e la Cala Mariolu che è una delle più belle con una sabbia bianchissima e brillante in contratso con le rocce di granito e ancora la cala Sisine che si trova tra le rocce dal colore verde della macchia mediterranea.

 

Avrete modo di ammirare i fantastici fondali marini, le acque turchesi circondate da spiagge bianche e caratterizzate da rocce a strapiombo, un vero paradiso per chi ama fare snorkeling.  Oltre alle incantevoli spiagge e calette nascoste anche le zone interne dell’area celano grandi sorprese.

Dove Mangiare

Da non perdere assolutamente una cena romantica sotto gli ombrelloni di palme della Capannina dove degustare piatti di pesce e crostacei, dai polpetti di Efisio, alle cozze ripiene, alle seppie gratinate. Il cibo sarà una delle cose che più ti delizierà del posto oltra ovviamente alla suggestiva location.

Sempre nel piccolo centro di Arbatax c’è la Trattoria da Lenin sempre rifornita di ottimo pesce dalla Cooperativa Pescatori di Tortolì che ha la concessione di pesce nella laguna. Irrinunciabile è il laboratorio di Luciano e Rosetta nella località di Tortolì che da oltre 25 anni realizza dei piatti tipici della tradizione dell’Ogliastra tra cui capolavori di pasta fresca tra cui i culurgiones, i malloreddus, i papassini, le formagelle, le seadas.

Itinerari Escursioni

Molte sono le attività che offre il territorio con la possibilità di fare sia escursioni via mare che via terra per scoprire i gioielli del Mediterraneo e posti incontaminati e selvaggi dell’entroterra. Gite in barca o gommone o in motoryatch lungo la costa dove ammirare le impressionanti rocce a picco nel mare e raggiungere le suggestive spiagge e calette nascoste e fare delle escursioni nelle grotte costiere.

L’area è perfetta per fare snorkeling e diving per godere dei fondali da acquario tropicale. La varietà del paesaggio costiero è una delle maggiori ricchezze della Sardegna e in particolare la zona dell’Ogliastra affacciata sul tirreno è la terra del trekking per eccellenza.

E’ avventurarsi a piedi per raggiungere alcune calette come ad esempio la Cala di Goloritzè. Ma è possibile anche fare delle escursioni della zona più interna, aspra e selvaggia alla scoperta di un ricco patrimonio naturalistico e archeologico.

Gli itinerari si sviluppano soprattutto nelle zona di Baunei che domina il promontorio di Capo Bellavista, dove sorge Arbatax con le sue scogliere di porfido rosso di grande effetto cromatico, alla scoperta di un ambiente incontaminato e selvaggio nel Supramonte di Baunei. D’altronde l’Ogliastra è uno di quei posti meravigliosi che offre la possibilità di restare a bocca aperta di fronte a paesaggi sempre diversi fra montagna e mare.

Se siete curiosi di visitare la costa orientale sarda non perdetevi gli splendidi paesaggi della zona dell’Ogliastra con la sua ampia gamma di attrattive, dalle spiagge incantevoli, alle zone più interne aspre e selvagge, ai ristoranti tipici e posti raffinati dove soggiornare.


Articolo letto: 341 volte
Categorie: , Luoghi da visitare


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook