OCCUPAZIONE RECORD DAL 1977 - Davanti agli ultimi dati Istat sul lavoro, hanno esultato entrambi. 

Roma
08:00 del 02/07/2019
Scritto da Samuele

OCCUPAZIONE RECORD DAL 1977 - Davanti agli ultimi dati Istat sul lavoro, hanno esultato entrambi. Luigi Di Maio ha detto: “Oggi è davvero una bella giornata. Sono felice di smentire i chiacchieroni”. A seguire Matteo Salvini: “Avanti così”.

OCCUPAZIONE RECORD DAL 1977 - E i numeri sono positivi. Il tasso di occupazione raggiunge il 59% per la prima volta da quando ci sono le serie storiche, e i disoccupati scendono al 9,9%, sotto la “soglia psicologica” del 10% per la prima volta dal 2012.

OCCUPAZIONE RECORD DAL 1977 - Con una postilla da aggiungere, però: a trainare la crescita occupazionale sono i “lavoratori anziani” over 50,con un +1,6% (anche al netto della componente demografica). Risultato della maggiore permanenza degli occupati nel mondo del lavoro dopo la riforma Fornero sulle pensioni, nonostante “quota cento”, che ha visto molte meno adesioni del previsto (142mila a inizio giugno), probabilmente perché troppo penalizzante. In compenso, nell’esultanza dei dati positivi, a restare a mani vuote sono i più giovani. Con gli inattivi, gli sfiduciati che un lavoro non ce l’hanno e hanno smesso pure di cercarlo, che aumentano in tutte le fasce d’età, tranne che tra i lavoratori anziani.


"Il tasso di disoccupazione è calato a sorpresa a maggio, tuttavia ci sembra più importante, per le prospettive del ciclo, il calo dell'indice Pmi manifatturiero a giugno, che, assieme all'analoga indagine Istat, segnala rischi sulla ripresa del Pil che la maggior parte dei previsori si attende per la seconda metà dell'anno" ha affermato il senior economist Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo, Paolo Mameli.

Se da Matteo Salvini al vice presidente del Senato, Roberto Calderoli la Lega esulta e il sottosegretario al Lavoro, Claudio Durigon, rivendica "i primi risultati di Quota 100", le opposizioni continuano a mostrarsi critiche. "Il boom della cassa integrazione straordinaria e la permanente debolezza della congiuntura economica evidenziata oggi dal Centro studi di Confindustria rendono del tutto fuori luogo ogni trionfalismo" afferma il responsabile economico del Pd, Antonio Misiani. "Se fossero seri Salvini e Di Maio oggi riconoscerebbero gli effetti del JobsAct.

Con noi l'occupazione è cresciuta di più di un milione, con loro di meno di 100mila" ha commentato Matteo Renzi. "I dati ci dicono che abbiamo il record di occupazione dal 1977, ma i giovani analisti del governo dovrebbero notare che non miglioriamo sostanzialmente né la componente femminile né la componente giovanile di occupazione. Aumentano solo gli adulti oltre i cinquanta anni e questo per effetto delle leggi pensionistiche su cui sembra non avere nessun effetto quota 100. Altro che ricambio occupazionale. La fascia adulta con carichi familiari tra i 35-50 anni continua a perdere occupazione, in un anno 208mila, nell'ultimo mese 34mila" è, invece, il commento del responsabile economico di Forza Italia, Renato Brunetta.


Articolo letto: 332 volte
Categorie: , Economia, Lavoro


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook