Siamo costantemente BOMBARDATI da una episodi violenti e di cronaca nera, morti, soprusi, allarme qui, allarme la, allerta sopra, rischio sotto….

Potenza
09:20 del 27/04/2018
Scritto da Samuele

Siccome siamo 60 milioni, qualche episodio violento da sbattere in prima pagina c’è sempre, poi divulgano anche quelli lontani, e da quando è entrato sulla scena internazionale Isis, chi cura la cronaca nera ha il suo bel da fare.

Siamo costantemente BOMBARDATI da una episodi violenti e di cronaca nera, morti, soprusi, allarme qui, allarme la, allerta sopra, rischio sotto….

Un martellamento di notizie NEGATIVE che anche se non ce ne rendiamo conto, minano il nostro morale, provocano ansia, alimentano cattivi pensieri e sopratutto PAURE.
La paura, elemento chiave del controllo sociale.
Tutto questo bombardamento di notizie brutte, ci rende inoltre ASSUEFATTI alla violenza, ormai mentre facciamo colazione è normale sentire parlare di sgozzati dall’ISIS, di stragi, etc. Un bombardamento di negatività e di paurache agisce su di noi anche a livello inconscio.

 
TUTTE QUESTE NOTIZIE NEGATIVE SONO TALI ANCHE PER CHI LE LEGGE: al contrario notizie positive e propositive rilassano e distendono. Per questo motivo, cercate di non leggere solo notizie negative. Leggete dei libri, leggete articoli che insegnano a vivere meglio, a curare la vostra salute, e altre notizie positive e propositive. Vi sentirete meglio. E lo dico da blogger che mio malgrado, molto spesso affronto questioni negative, per offrire un punto di vista libero e alternativo a quello dei media. Se poi le considerazioni che propongo sono giuste o sbagliato, fondate o meno, giudicatelo voi di volta in volta. Imparate ad analizzare i fatti, gli elementi che avete a disposizione, e farvi un’idea autonoma, senza prendere per buono quanto detto da un blogger oppure dai mass media, in un contesto dove le grandi testate sono controllate dai poteri forti, direttamente (proprietari) o indirettamente (mediante lauti assegni pubblicitari) inoltre i giornalisti non fanno inchiesta, bensì riportano le affermazioni dei politici, delle autorità, e pubblicano le ‘veline’ delle istituzioni come se fossero vangelo: senza appurare niente.
Il giornalismo “moderno”, o meglio, ASSERVITO
Durante le guerre ormai i giornalisti vanno sempre meno personalmente al fronte, a verificare la situazione con i loro occhi e raccogliere testimonianze. Invece riportano i comunicati fatti dagli uffici stampa del ministero della difesa. I giornalisti di guerra devono alloggiare e visitare determinate zone, incontrare i vertici militari per brevi conferenze stampa e poco più. E potete immaginarvi se i militari riportano le cose come stanno, o come gli fa comodo che siano riportate. E così sembra sempre che siano stati colpiti “obiettivi sensibili”, con “armi chirurgiche” e tante altre fregnacce per rendere “ammissibili” gli interventi militari. Sempre in tema di guerra, la strage di Falluja emerse solo grazie al coraggio di una troupe di Rainews24, allora guidato da Corradino Mineo, che poi fu rimosso e sostituito da Monica Maggioni, membro Bilderberg, che in seguito è diventata numero uno dell’intera Rai. Mineo lo hanno ‘sedotto’ con una candidatura da deputato Pd, e nonostante il pregiudizio che si può nutrire per un deputato Pd, quando era giornalista faceva davvero il suo lavoro. Rainews ormai non le farà più inchieste scomode come quella sull’uso di fosforo bianco contro la popolazione civile.

Articolo letto: 433 volte
Categorie: , Cronaca, Denunce, Sociale


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook