Termosifoni: quali sono le ultime novità in materia di riscaldamento condominiale?

Torino
08:26 del 23/10/2016
Scritto da Gerardo

Termosifoni: quali sono le ultime novità in materia di riscaldamento condominiale?

Nessuna proroga per chi non è a norma con il riscaldamento nonostante i rumors degli ultimi tempi e le richieste di prorogare la scadenza avanzate dai diretti interessati: ad oggi resta cofermato il termine del 31 dicembre data entro la quale i termosifoni dovranno essere adeguati alla nuova normativa altrimenti scatteranno multe salate.

La normativa infatti è recentemente cambiata e impone ai condomini di installare sui termosifoni presenti negli appartamenti della valvole termostatiche che regolano il flusso di calore erogato negli appartamenti.

C’è tempo fino al 31 dicembre per adeguarsi alle nuove disposizioni di legge europea che prevedono l’istallazione di valvole termostatiche sui termosifoni dei condomini. Chi non si adegua rischia multe salatissime.

Sono in arrivo multe salate dai 500 ai 2500€per i condomini che non provvedono all’ istallazione di valvole termostatiche sui loro termosifoni entro il 31 dicembre, per adeguarsi alla normativa prevista dal D.Lgs. 102/2014 in attuazione della direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica.

Tale normativa impone ai condomini di installare sui termosifoni presenti negli appartamenti della valvole termostatiche che regolano il flusso di calore erogato, in modo da stabilire il consumo in termini energetici di ogni singolo appartamento e distribuire i costi del riscaldamento su ogni condomino basandoli sull’effettivo consumo, con lo scopo di realizzare un effettivo risparmio energetico contenendo i costi ma anche i consumi.

La normativa si applica per tutti i condomini che sono dotati di un sistema di riscaldamento c.d. centralizzato, e il costo di adeguamento dei termosifoni alla nuova normativa grava sui proprietari degli appartamenti.
Si tratta di una spesa non di poco conto per le famiglie, visto che la nuova valvola da installare su tutti i termosifoni presenti nell’abitazione costa dai 60 ai 100 euro cadauno. Un salasso che però non è nulla in confronto alle multe previste in caso di non adeguamento.


Teniamo a precisare che sono previste anche detrazioni fiscali che consentono di recuperare il 50% delle spese sostenute per i contabilizzatori di calore in 10 anni, oltre al risparmio economico in termini di costo energetico che si ottiene istallando le valvole termostatiche.

Scappatoie per evitare la spesa

Tuttavia esistono alcune scappatoie per evitare questo salasso.
Hanno la possibilità di sottrarsi coloro che possono dimostrare che il costo dei lavori non giustifica il risparmio energetico che deriverebbe dagli stessi, ossia quando i costi sono sproporzionati rispetto ai benefici.
Possono rientrare in questa fattispecie ad esempio i condomini che sono soggetti a considerevoli dispersioni di calore che vanificherebbero i benefici delle nuove valvole.

Un’altra scappatoia possibile si attua quando l’istallazione delle valvole termostatiche non è tecnicamente possibile.
Possono rientrare in questa fattispecie ad esempio i modelli di radiatori troppo antiquati dove non è possibile l’istallazione delle valvole

Per dimostrare l’impossibilità o inefficienza è necessario una relazione tecnica a cura di un progettista o di un tecnico abilitato.


Articolo letto: 554 volte
Categorie: Denunce, Economia


Domanda Rank Italia
ESPRIMI IL TUO GIUDIZIO SULLA LEGGE DELLA VALVOLA TERMOSTATICA OBBLIGATORIA
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Artemio

23/10/2016 22:07:56
Ennesimo elemento burocratico in Ialia. In altri Stati non è obbligatoria.
4

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook