La storia di una donna che nella vita ha dovuto superare tanti ostacoli ed ora è una delle Mistress più ricercate della Lombardia e della Romagna: “Avevo questo ruolo per vocazione, mi sono documentata e sono diventata una padrona”.

Rimini
06:42 del 25/06/2014
Scritto da Albertone

Padrona non si nasce ma si può diventare. Soprattutto se l’indole a comandare è innata e va solo estratta con un percorso che non ha nulla di improvvisato ma è basato sullo studio, sulla ricerca e sulla miglior conoscenza di se stesse. Ecco come Mistress Kimera, mamma di due figli, è diventata una Mistress fra le più ricercate d’Italia, della Lombardia e della Romagna. Una padrona che ai suoi uomini può chiedere di tutto: “Essere mi stress vuol dire avere un ruolo dominante, significa avere gli uomini ai propri piedi”. Sia chiaro, non in senso figurato. Chi vuol trascorrere qualche ora con Kimera, sa che deve adorarla come fosse una ninfa, un sogno di donna impossibile da raggiungere. “Da sei anni sono una Mistress. Sono arrivata a questo punto perché mi sono documentata e perché sentivo, dentro di me, questa propensione al potere”.

Non si può fingere, e Kimera non è donna abituata a fingere. La vita l’ha messa alla prova, una gravidanza ad appena vent’anni l’ha costretta a crescere rapidamente e a capire come sono gli uomini e come è lei. Ed ecco che oggi, ancora in splendida forma, ha qualche decina di schiavi in giro per l’Italia. Persone pronte a tutto per lei. Pronte persino ad attaccarsi una macchina della castità e consegnarle la chiave. “Sono soprattutto ragazzi giovani, dai 20 ai 40 anni, che vedono in una donna come me il loro sogno inarrivabile. Mi devono essere fedeli, guai se non lo fossero, e devono essere disponibili in tutto e per tutto”.

Le sessioni, termine tecnico per descrivere il tempo trascorso in compagnia l’uno dell’altro, non vanno oltre i 45 minuti e sono intensi momenti di passione e di trasgressione. “Fanno con me ciò che non potrebbero fare con la loro ragazza, nel rapporto fra moglie e marito c’è di mezzo il sentimento che è la massima espressione di sottomissione”. E, invece, avere a che fare con una donna più grande facilita le cose. Mistress Kimera sa, e sa soprattutto se un ragazzo è portato o meno per il ruolo di schiavo. “Ci metto due minuti a capirlo, d’altronde sono una professionista ed ho l’obbligo di capire chi ho davanti”. Eccola Kimera, che ha scelto questo nome perché rappresenta la “chimera”, qualcosa di introvabile, e perché è il nome che avrebbe dato ad una figlia se l’avesse avuta. Il destino invece le ha regalato due maschi, il più grande sa quel che la mamma fa e condivide tante esperienze. “Non potrei mai innamorarmi di uno schiavo, con gli uomini non ho rapporti da cinque anni. Potrei perdere la testa solo per una persona più in gamba di me…”. Fosse facile.

Perché una Mistress è innanzitutto sinonimo di “pulizia, ma la caratterizzano anche il carattere determinato e la forte personalità. Quando do del dolore a uno schiavo, provo un piacere mentale. Il comando l’ho acquisto anche crescendo i due figli maschi, ed ora mi sento una donna con l’organo genitale maschile. Ecco perché faccio fatica a relazionarmi con gli uomini…”. Svelato l’arcano. “L’uomo lo vedo come un essere da sottomettere, fisicamente non ho bisogno di lui. Mi piacerebbe essere Mistress per altri dieci anni e poi passare dietro le quinte. Insegnare questo modo d’essere, nulla può essere improvvisato. Tante donne hanno un po’ di Mistress in loro, mi piacerebbe aiutarle a tirar fuori questo loro lato nascosto…”.


Articolo letto: 11801 volte
Categorie: Curiosità


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

kimera - mistress - dominazione - schiavo -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook