Madre e figlie in ospedale per scontro a La Spezia | L’analisi di Italiano Sveglia

La Spezia
11:00 del 05/01/2015
Scritto da Gerardo

In questo periodo di festività non sono nuovi gli schianti con autovetture mentre tutti gli italiani cercano di farsi almeno un weekend di relax e di vacanza assoluta nonostante la Crisi economica. Ecco l’accaduto di La Spezia

La Spezia - Chi era alla guida ha perso il controllo dell'automobile che si è schiantata contro un palo a Pignone. Il bilancio è di tre feriti una delle quali, una 80enne, versa in gravi condizioni al Sant'Andrea della Spezia. Stando a quanto ricostruito a bordo della vettura viaggiavano madre e figlie, due figlie cinquantenni.

L'incidente è avvenuto alle 14.30 e l'impatto con il palo ha fermato la corsa dell'automobile impedendo così che finisse giù per una scarpata. Le figlie sono rimaste lievemente ferite a causa dello scoppio degli airbag. La madre ha riportato un trauma cranio facciale con fratture multiple del massiccio facciale. Sul posto sono intervenuti l'automedica Delta 3 con medico e infermiere, le ambulande della Pubblica assistenza di Pignone e Brugnato mbulanza e un mezzo dei Vigili del Fuoco. La paziente più grave è stata trattata sul posto da personale sanitario di Delta e poi accompagnata alla Shock Room dell'Ospedale Sant'Andrea della Spezia. Le altre due persone sono state trasportate al pronto soccorso.


Articolo letto: 769 volte
Categorie: Cronaca


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Cronaca La Spezia -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook