Lo Stato italiano e la falsa uguaglianza delle religioni | I privilegi della Chiesa Cattolica

Salerno
10:52 del 11/02/2015
Scritto da Gerardo

Questo privilegio particolare rivolto alla Chiesa Cattolica, sancito per altro dalla Costituzione Italiana, a una religione, è chiaro è in contrasto con le più elementari norme di democrazia ed eguaglianza tra i cittadini. Lo status particolare è in chiaro contrasto, ripetiamo, con la stessa costituzione! Si è dovuto ricorrere alla Cassazione, se vi ricordate, per sancire la perseguibilità dei dirigenti di Radio Vaticana, accusata di emissioni elettromagnetiche oltre il livello consentito: gli avvocati difensori avevano sostenuto strenuamente la tesi dell’impossibilità di perseguire tali dirigenti, basandosi sull’ articolo 11 del trattato ( che nel 1984 non ha subito modifiche) tra l’Italia e la Santa Sede, che stabilisce che «gli enti centrali della Chiesa cattolica sono esenti da ogni ingerenza da parte dello Stato italiano».

Come intervenire? I radicali ci provarono nel 1977, raccogliendo le firme necessarie per un referendum abrogativo. Il 2 febbraio 1978, però, la Corte Costituzionale con sentenza n. 16 lo dichiarò inammissibile, in quanto giustamente «trattato» con uno stato estero. Restano quindi due strade: una impercorribile, l’altra quasi… Con il consenso della Chiesa, attraverso un accordo fra le parti: che la Chiesa rinunci ai suoi privilegi, cosa impossibile ( vi ricordate la legge delle guarentigie del 1871 prima dei patti Lateranensi e l' atteggiamento della chiesa?). 2)Attraverso l’abolizione dell’art. 7 della Costituzione: in tal caso la Chiesa verrebbe equiparata alle altre religioni, ed i suoi rapporti con lo Stato regolati attraverso un’intesa. Purtroppo a tale scopo è necessaria una modifica costituzionale, disciplinata dall’art. 138 della Costituzione. Nel 2006 se ne era parlato...poi...

Non siamo anticlericali, tutt'altro.....ma riteniamo giusto ragionare con la nostra testa e dire la verità. Leggete con attenzione sia l'art 7 che l'art. 8 della ns Costituzione rifletteteci sopra! La parità di disciplina legislativa è lungi dall' essere garantita ( nell' 1984 si è fatto un grosso passo avanti modificando solamente il concordato...), ma se si considera che le diverse confessioni possono essere collocate in una scala gerarchica che vede ancora al primo posto anche la nostra Chiesa Cattolica ( che beneficia di fonti negoziate come i concordati, in gradi di incidere anche sulle norme costituzionali). Riteniamo che nel nostro paese manca una legislazione unilaterale sulla libertà religiosa.


Articolo letto: 583 volte
Categorie: Editoria, Politica, Sociale


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi dei rapporti Stato-Chiesa?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Gerardo

11/02/2015 11:09:17
Cominciamo col dire che non credo assolutamente nella gerarchia ecclesiastica. Non sopporto la chiesa come istituzione, non sopporto il papa r e le boiate che dice, non sopporto che la già sofferente legislatura italiana debba fare i conti con il giudizio della chiesa, non sopporto l'ipocrisia e la discriminazione che il clero impone. non credo in dio, rispetto chi ci crede, ma non accetto che venga associato dio alla chiesa intesa come sistema istituzionale. la chiesa cattolica a parole lotta contro la povertà e contro le disuguaglianze
1

Carlo

11/02/2015 11:09:01
La religione, in quanto spiritualità, è un movimento interiorizzante del divino, quindi è condurre il "Tutto", il divino, verso l' interno. La politica, viceversa, regola il rapporto tra individui in una società, ovvero è un movimento che proietta il singolo verso il "tutto", inteso come società,.quindi dall' interno verso l' esterno. La chiesa, come tutte le chiese, hanno la stessa origine di movimento della politica, ovvero proiettano l' individuo verso il "tutto" esterno che pretendono di rappresentare. Pertanto tra chiesa e politica non vi è differenza. La chiesa è un movimento politico in piena regola.
6

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook