Un personaggio salito alla ribalta grazie ad un mix mai sperimentato prima: una novità che nasce da lontano ed è pronta a sbarcare oltre frontiera...

Roma
11:06 del 21/02/2014
Scritto da Albertone

Una cosa è certa: se Lisa Torrisi non facesse quello che oggi fa – di cui va fieramente orgogliosa, senza false ipocrisie – sono convinto che sarebbe entrata nel mondo del teatro, dello spettacolo, della recitazione. Me la vedo su un palco, a recitare Pirandello, protagonista in un palco dalle luci soffuse. E me la immagino pure, una volta calato il sipario, a discutere con la troupe della messa in scena, di come migliorare la performance. O forse avrebbe preso un’altra strada: quella del giornalismo, della cultura letteraria, delle inchieste e dei racconti. Datele fra le Mani un foglio di carta e una penna, e vi saprà stupire. Queste sono le premesse. Certo, Lisa è una ragazza bellissima, appariscente, i centimetri giusti al posto giusto. Spavalda, aggressiva, provocante. Un’apparenza che dice molto ai più e ben poco a chi impari a conoscerla. Lisa Torrisi, accento romano e simpatia contagiosa, è l’unica porno-maga italiana. Professione inedita, non c’è dubbio. Se l’è inventata, e non c’è da stupirsi considerata la creatività che la contraddistingue da bambina. “Sono orgogliosa di quello che sono” ribadisce lei, sogno impossibile dell’universo maschile che stuzzica a suon di illusioni ottiche e giochi con le carte.
Le luci rosse sono quasi un pretesto per mettere in scena uno spettacolo che dopo aver girato la Penisola sbarcherà presto anche all’estero. Uno spettacolo diverso da quello di Pirandello, ma pur sempre basato su azione e interpretazione. Questa è Lisa, ex bambina tranquilla, studiosa, dal carattere esuberante e dalla continua ricerca di se stessa. Alle elementari sceglieva di essere la protagonista nelle recite scolastiche, un esibizionismo che nel corso degli anni l’ha portata a diventare personaggio nel mondo del porno. Un percorso tortuoso, mai rinnegato anche se arrivato quasi per caso. E non è un modo di dire, perché Lisa bada poco al Politically correct e tanto all’onestà intellettuale. Quella che ha coltivato alle medie, quando la passione per la lettura la portava a divorare i libri. Quasi sembra di rivederla, rannicchiata sotto le lenzuola, la lucina accesa e il segnalibro fra le mani, a sfogliare i best seller. Un po’ solitaria e un po’ accentratrice: minigonne e colori accesi non le sono mai mancati. Atteggiamenti da teenager, lontani anni luce da quelle luci rosse che sarebbero arrivate molto più tardi. Attorno a lei, da sempre, ragazzi e uomini in cerca di uno sguardo. “Mi è sempre piaciuto stare al centro dell’attenzione, attorniata da ragazzi. Ha segnato un po’ la mia vita: amata da tanti uomini”.

Ma l’apparenza non basta per renderla felice. Certo, il corpo è sempre in ordine, ma la sete del sapere prende il sopravvento. Un libro, in particolare, le spalanca il mondo della magia e dell’illusionismo. A sei anni le regalano il primo kit di trucchi, a 14 si affaccia nel mondo della moda. Lei ancora non lo sa, ma il suo   pppersonaaaggio diventerà un mix perfetto di quelle esperienze. Di acqua sotto i ponti però ne deve passare. I suoi genitori non accettano il suo ingresso nel mondo dell’immagine, “erano convinti che prima o poi mi sarebbe passata. Ma se hai una passione così forte che ti scorre nelle vene, la puoi accantonare ma non riuscirai mai a reprimerla”. La vita, nel frattempo, trascorre fra Liceo linguistico, esami di Psicologia e la gioia di diventare mamma. Lisa è giovane, ha una figlia e le sue prospettive cambiano.
Inizia a fare la mamma a tempo pieno, la famiglia è il suo nuovo centro di gravità permanente prima che una nuova attività imprenditoriale la rimetta in gioco. Vende accessori per uffici, sembra che tutto sia destinato ad un’esistenza tranquilla. Poi il colpo di scena, quello che i migliori commediografi immettono nel mezzo di un libro. Il coup de theatre è un casting a Milano, innocente ed innocuo, che riporta nella mente di Lisa il vecchio pallino dei riflettori. Davanti alle telecamere, mentre lei racconta di Pirandello, una vocina dal dietro le quinte le parla della sua carica erotica. “Io pensai che era matto, ero proprio all’antitesi di quel mondo. Mai frequentato, mai neppure sfiorato”. Certo, il nudo non le crea imbarazzi, il rapporto con se stessa viaggia a gonfie vele. Ma da lì a spogliarsi in pubblico, ce ne passa. Però quel commento le fa balzare una pulce all’orecchio. La curiosità prende il sopravvento. La frena il giudizio della famiglia, “mi terrorizzava l’idea di far soffrire, con le mie scelte, le persone a me più care”. Ma la vita è una sola, e le pulsioni vanno assecondate. Nel gennaio del 2012 per la prima volta si presenta su un set hard. “A pelle ho capito che quel mondo mi apparteneva”, i sensi di colpa svaniscono, la forza interiore diventa il mezzo per andare avanti. Solo gli spettacoli la annoiano.

Vuole essere diversa dalle altre. Sa che, quando si sale su un palco, bisogna catturare sguardo e attenzione degli spettatori. E Lisa non vuol farlo solo col corpo. Ecco l’intuizione: diventare porno-maga, spettacoli erotici mischiati all’illusionismo. “Non è stato semplice, ma serviva una ventata d’aria fresca. Poi la cattiveria è sempre dietro l’angolo, ho conosciuto persone invidiose e tante altre che mi hanno aiutato a crearmi questo mio piccolo spazio che ora rappresento in questo settore”. In meno di due anni diventa personaggio fra i più ricercati del panorama italiano e internazionale: compare in tv, presenta trasmissioni, diviene vicedirettrice di un sito internet. Così, giusto per ricordare agli altri e a se stessa che il cervello è rimasto con l’interruttore acceso. In molti la cercano, i fan la prendono di mira sui social network rubandole quasi tutto il tempo libero: con loro si crea complicità, malizia, il tutto all’insegna dell’educazione. Lo stimo ad andare avanti: “Perché io fra dieci anni voglio essere ancora qui, voglio recuperare il tempo perso. E magari creare una scuola di porno magia…”.


Articolo letto: 5339 volte
Categorie: Curiosità, Gossip


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook