Legalizzazione marijuana in Italia: se ne discute in Parlamento. La stella polare sono gli Stati Uniti, o meglio, il caso del Colorado, e l'obiettivo è il medesimo di quello che, oltreoceano, ha segnato una vera e propria svolta: legalizzare la marijuana

Roma
09:15 del 16/03/2015
Scritto da Gerardo

La stella polare sono gli Stati Uniti, o meglio, il caso del Colorado, e l'obiettivo è il medesimo di quello che, oltreoceano, ha segnato una vera e propria svolta: legalizzare la marijuana. Nasce, con l'adesione di 60 parlamentari in buona parte del Pd, l'intergruppo che lavorerà ad una proposta di legge per regolamentare l'uso della marijuana anche in Italia. Una proposta "pragmatica e non ideologica", che punta a sottrarre denaro alla criminalità organizzata e che "prende atto del fallimento del proibizionismo", è il senso che il sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova dà all'iniziativa che vede proprio il senatore come principale promotore.

Il punto di partenza, per una battaglia che vede i Radicali (in cui militava lo stesso della Vedova) in campo da qualche decennio, è la recente relazione al Parlamento della Direzione nazionale antimafia, tranchant nel suo giudizio: "si ha il dovere di evidenziare che, nonostante il massimo sforzo profuso dal sistema nel contrasto alla diffusione dei cannabinoidi, si registra il totale fallimento dell'azione repressiva". Da qui, perciò, comincerà il lavoro di un intergruppo che vede tra i suoi membri deputati e senatori della maggioranza (tra gli altri Roberto Giachetti e Giuditta Pini) e della minoranza Pd (da Pippo Civati a Nico Stumpo) oltre esponenti del M5S, di Sel e del Misto.

Sulla proposta - i primi Incontri si avranno tra una decina di giorni e non è escluso che si prendano a riferimento le proposte di legge già presentate, come quella del M5S - insomma, si potrebbe creare una 'nuova maggioranza", anche perché, tradizionalmente, la legalizzazione della marijuana ha visto sempre il centrodestra in trincea. Già nei giorni scorsi due pasdaran del proibizionismo come Gasparri e Giovanardi rilanciavano un intergruppo per la "liberazione dalla droga".


Ma sul punto, Della Vedova resta ottimista: "Ci sono seri oppositori ma credo che l'opinione pubblica, negli ultimi venti anni, si sia spostata più dalla nostra parte. L'obiettivo è arrivare a un pdl condiviso". Anche perché, sottolinea, il proibizionismo di questi anni ha assorbito risorse alle forze dell'ordine e ingolfato i tribunali senza che sia "aumentata la capacità di reprimere questo consumo di massa". Mentre, in Colorado, ad esempio, l'effetto 'fiscale' della legalizzazione della cannabis è stato di diversi milioni, tanto da permettere allo Stato americano di poter restituire 30 milioni di dollari ai cittadini per via di una legge che pone limiti alle entrate fiscali.

E mentre arriva il plauso di uno dei simboli della lotta per la liberalizzazione della marijuana, Marco Pannella, Della Vedova rimarca la natura "parlamentare" dell'iniziativa. Con il governo, insomma, non c'è stato ancora un confronto ma la presenza di diversi esponenti della maggioranza Pd potrebbe certo aiutare l'iniziativa dei 60 parlamentari a vedere la luce.


Articolo letto: 1748 volte
Categorie: Curiosità, Medicina, Politica, Salute


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Gerardo

16/03/2015 11:31:25
Legalizzare la maria vuol dire:
- più introiti per lo stato
- risparmio forze dell'ordine
- monitoraggio spaccio ai minorenni (tutelandoli verso le droghe più pesanti)
- posti di lavoro
- meno denaro alla malavita
e non mi venite a dire che lo facciamo per la salute...poiché nuoce meno di alcolismo e tabagismo.....
10

Nicola

16/03/2015 10:54:19
Ogni tanto emerge qualche barlume d'intelligenza tra le istituzioni.
Certo le cosche non dormiranno sonni tranquilli in questa fase.
Per quelli un po più duri di comprendonio basterebbe andare a guardare i dati degli stati dove la cannabis è stata più o meno legalizzata.
I dati più rilevanti indicano tra i vantaggi una diminuzione dei reati e degli incidenti stradali,un aumento dei posti di lavoro e di entrate fiscali nelle casse dello stato,oltre ad un incremento turistico .Le forze dell'ordine hanno più tempo da dedicare ai reati comuni L'unica "nota dolente" si potrebbe registrare nelle casse della criminalità organizzata.Basterà qualche mazzetta per scongiurare il dramma?
9

Ricerche correlate

Droghe leggere - Marijuana - Parlamento - Leggi - Droga -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook