Le novità per la presentazione della nuova dichiarazione dei redditi. Previste detrazioni maggiori per i figli a carico.

Roma
12:06 del 19/12/2013
Scritto da Samuele

Anche quest'anno, come ogni anno, gli italiani devono iniziare a pensare alla tanto odiata dichiarazione dei redditi che avrà come scadenza il 30 aprile al sostituto d'imposta o il 31 maggio al Caf o ai professionisti abilitati. Le novità che entreranno in vigore sono in buona parte dettate dalla crisi. In prima linea si segnala la possibilità di utilizzare la dichiarazione anche a coloro che non hanno più un datore di lavoro. Per quanto riguarda i bonus c'è un innalzamento delle detrazione per i figli a carico e il quello per i mobili per chi ha effettuato lavori di ristrutturazione. Inoltre si potrà chiedere l'eventuale credito della dichiarazione anziché essere rimborsati dal fisco. Quest'anno sono circa 17 milioni gli italiani che hanno percepito redditi nel 2013 provenienti da lavoro dipendente, co.co.co, co.co.pro., redditi dei terreni e dei fabbricati, redditi di capitale o prestazioni di lavoro autonomo occasionale e che saranno chiamati in cassa a giugno per pagare le tasse. Si tratta di lavoratori dipendenti, pensionati, persone che percepiscono integrazioni salariali o indennità di mobilità, i soci di cooperative di produzione e lavoro, di servizi e agricole, chi è impegnato in lavori socialmente utili, i lavoratori con contratto a lavoro a tempo determinato per un periodo inferiore all'anno. Tutti questi soggetti potranno recarsi al sostituto di imposta a patto che il rapporto di lavoro duri almeno dal mese di aprile a luglio 2014 o presso un caf se il rapporto dura almeno da giugno a luglio 2014. Al Centro di assistenza fiscale si può invece recare il personale della scuola con contratto a tempo determinato da settembre 2013 a giugno 2014 e i lavoratori che posseggono soltanto redditi di collaborazione coordinata e continuativa, almeno nel periodo compreso tra giugno e luglio 2014.

Emergono vantaggi da questa nuova presentazione della dichiarazione dei redditi. Utilizzare il 730 permette di fare calcoli, la compilazione è più semplice e il modello non va trasmesso alle Entrate ma si potrà consegnare direttamente al datore di lavoro, o all'ente pensionistico o all'intermediario. Per quanto riguarda i rimborsi Irpef verranno dati direttamente nella busta paga di luglio o nella rata di pensione di agosto. Allo stesso modo se vanno versate delle somme queste verranno trattenute direttamente dalla retribuzione o dalla pensione a partire rispettivamente da luglio e agosto.

Per quanto riguarda i casi eccezionali come ad esempio l'assenza del datore di lavoro questo rappresenta senz'altro la novità più rilevante. Finora per ottenere rimborsi dopo la presentazione del modello Unico bisognava aspettare due anni mentre ora il decreto legge 69/2013 permette a tutti i lavoratori dipendenti che non hanno più un sostituto d'imposta possono presentare comunque il 730 a un Caf o a un professionista abilitato. Quindi dal maggio prossimo il contribuente avrà la possibilità di pagare l'importo utilizzando i servizi telematici dell'Agenzia delle Entrate o con un bollettino postale o bancario. Il credito sarà invece restituito nel giro di pochi mesi direttamente dall'amministrazione finanziaria sul conto corrente indicato.

Dal punto di vista dei bonus, le novità riguardano l'innalzamento delle detrazioni base per ciascun figlio a carico che sale da 800 a 950€ mentre quella per figli di età inferiore a tre anni sale da 900 a 1220 euro mentre quella aggiuntiva per ogni figlio disabile passa da 220 a 400 euro. Scende poi a 630 euro l'importo massimo per calcolare la detrazione del 19% per i premi di assicurazione sulla vita e contro gli infortuni.

Altra novità, nel Quadro E del modello 730 riservato a oneri, spese detraibili e oneri deducibili spunta una nuova sezione dedicata alla casa in cui sarà possibile richiedere il bonus del 65% per gli interventi relativi all'adozione di misure antIsismiche su immobili adibiti ad abitazione principale o ad attività produttive, situati in zone sismiche.

E ancora è stata introdotta la detrazione su mobili e grandi elettrodomestici di classe energetica A+ per coloro che hanno iniziato a ristrutturare dopo il 6 giugno del 2013.

Sale dal 19% al 24% le detrazioni per le donazioni alle onlus e in favore alle popolazioni colpite da calamità. Si recuperano anche quelle devolute a partiti e movimenti politici.

I proprietari di immobili in affitto che hanno scelto la cedolare secca avranno un'aliquota agevolata del 15%. Per gli altri capannoni affittati la deduzione forfettaria scende invece dal 15 al 5%,

Ultima novità ma non per importanza, riguarda il fatto che tutti i contribuenti potranno sfruttare i crediti che vantano nei confronti del fisco per ridurre o per pagare altre tasse grazie al nuovo Quadro I. Ad esempio la Tares ed eventuali altre imposte non elencate nel 730 ma per cui il pagamento va fatto con modello F24. 


Articolo letto: 3199 volte
Categorie: Economia, Finanza, Lavoro, Sociale


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

730 - dichiarazione dei redditi - economia - lavoro -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook