Le Iene, storia di una violenza domestica. E’ davvero una macchia rossa la storia di una donna di Bitonto

Ragusa
12:25 del 28/02/2015
Scritto da Gerardo

È una macchia rossa di violenza domestica quella che da Bitonto è arrivata l’altro ieri sera sul piccolo schermo. Su Italia 1, nel corso della trasmissione in prima serata "Le Iene", è andato in onda un servizio che ha visto come protagonista una giovane donna bitontina di nome Clorinda. Ha raccontato di essere stata picchiata, offesa e minacciata dal marito. Una storia di botte e sopraffazione durata sette anni, che si sarebbe consumata quasi in segreto nella nostra città. Schiaffi, calci, pugni, cicatrici, offese e minacce taciute per troppo tempo, persino durante una gravidanza. Disperato il grido di aiuto che Clorinda ha lanciato al microfono della "iena" Nina Palmieri.

Clorinda è una donna ferita nell’orgoglio e nella dignità da un marito padrone, incapace di difenderla dal mondo esterno e dai suoi scatti d'ira, sempre più frequenti e violenti. Una donna alla quale sono mancati calore e affetto, colpita invece da una violenza fisica d'inaudita ferocia, anche nei momenti di intimità. « Non erano altro che un motivo in più per insultarmi e offendermi », ha dichiarato.Il marito, anch’egli intervistato da Nina Palmieri, si è difeso accusando la moglie di essere gelosa e di averlo tradito. Ma ha promesso che non avrebbe più minacciato la serenità e la tranquillità quotidiana della moglie.

Dopo le botte, le minacce e l’incubo di poter subire ancora una volta quell’orrore, Clorinda spera di potersi davvero lasciare tutto alle spalle e di cominciare una nuova vita. Il punto di partenza è la ricerca di un lavoro, anche come addetta alle pulizie o come badante. Chiunque voglia offrirglielo può inviare una mail a unlavoroperclorinda@gmail.com


Articolo letto: 1101 volte
Categorie: Cronaca, Curiosità


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi della violenza sulle donne?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Barbara

28/02/2015 14:29:36
Secondo me anche se si dice che oramai nella società italiana la donna e l'uomo siano allo stesso livello,questo è l'esempio che in realtà la donna è tutt'oggi è considerata da alcuni uomini(non da tutti) meno importante e per questo è usata e maltrattata. La trovo una cosa veramente orrenda e penso che in Italia si debba ancora mettere in atto una strategia efficiente per fronteggiare questo gravissimo problema!Basti vedere tutti gli stupri e le violenze che avvengono quotidianamente nei luoghi pubblici la sera o le violenze all'interno delle mura domestiche!
5

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook