Le Iene, Giulio Golia rischia di essere picchiato in un campo Rom. Giulio Golia, inviato de Le Iene ha rischiato grosso

Treviso
11:10 del 10/05/2015
Scritto da Gerardo

Giulio Golia, inviato de Le Iene ha rischiato grosso. Durante una video inchiesta Golia è stato minacciato più volte da una banda di rom.

Bastoni e spintoni che hanno di certo impaurito il cronista de Le Iene. A far scattare la rabbia dei rom è stata un'inchiesta su la "truffa impunibile". L'ultimo raggiro dei rom infatti prevede trattaive e Incontri per l'acquisto di gioielli online con un solo obiettivo: farsi spedire i gioielli e non pagare.

La truffa è stata portata avanti da un gruppo di rom in un campo del trevigiano. Golia con una troupe de Le Iene ha cercato di smascherare i truffatori mostrando in diretta i gioielli che indossavano le donne e cercando dunque di mostrarli a chi probabilmente aveva venduto senza ricevere alcun pagamento proprio quei gioielli.Ma non appena le Iene sono entrate nel campo è scattata una mezza rissa. : "Colpa nostra? Colpa di chi si è fidato di venire fino a qui e venderci gli orecchini...", affermano alcuni rom e qualcun'altro attacca Golia: "Dai su...Lo facciamo per sopravvivere... ".


Articolo letto: 1433 volte
Categorie: Cronaca


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Vittorio

10/05/2015 11:13:38
Questi immigrati ci hanno veramente stufati! Non solo siamo L'UNICO PAESE EUROPEO ad accoglierli, ma sono anche strafottenti!
5

Ricerche correlate

Le Iene - Rom - Zingari - Immigrati -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook