IN ITALIA POTREBBE SEMBRARE UNA BUFALA MA IN DANIMARCA È PURA REALTÀ. MOLTE AZIENDE DANESI HANNO DIFFICOLTÀ A TROVARE PERSONALE PER VIA DEL BASSISSIMO TASSO DI DISOCCUPAZIONE.

Trento
09:30 del 03/03/2017
Scritto da Luca

IN ITALIA POTREBBE SEMBRARE UNA BUFALA MA IN DANIMARCA È PURA REALTÀ. MOLTE AZIENDE DANESI HANNO DIFFICOLTÀ A TROVARE PERSONALE PER VIA DEL BASSISSIMO TASSO DI DISOCCUPAZIONE.

L’economia danese sta attraversando un periodo di veloce ripresa dopo la crisi economica che ha colpito l’intero continente, in merito a ciò la Danimarca al momento ha un tasso di disoccupazione inferiore al 4,3 per cento. Quasi tutti i cittadini in età lavorativa hanno già un impiego, ma non sempre però questo dato si rivela vantaggioso per l’economia nazionale.

A causa della continua crescita economica, in un terzo delle aziende danesi urge un aumento di produzione in quasi tutti i settori (dal settore informatico a quello dell’ edilizia), per rispettare determinati contratti. Hanno un urgente bisogno di personale difficile da trovare in una nazione dove la disoccupazione in questo momento è ai minimi.

Le aziende più colpite dal problema hanno già dovuto rallentare la produzione e addirittura rifiutare alcuni contratti.

Se la carenza di personale dovesse continuare, potrebbe incidere pesantemente sulla crescita di tali aziende e quindi su quella di una nazione intera.


Il New York Times spiega che alcune aziende danesi hanno addirittura avviato una campagna pubblicitaria per attirare lavoratori, altre invece hanno deciso di cercare forza lavoro all’ estero. Di tale situazione potrebbero beneficiarne i disoccupati dei paesi vicini, ma anche i nostri connazionali disoccupati che sono disposti a lasciare il bel paese per cercare fortuna altrove.
Ovviamente una delle caratteristiche fondamentali per poter essere “appetibili” a datori di lavoro danesi e’ la buona conoscenza della lingua inglese (se si possiede anche una base della loro lingua e’ sicuramente un ulteriore vantaggio).

Il caso danese rappresenta un paradosso vista la situazione media del continente europeo. I paesi che hanno una situazione più simile a quella della Danimarca per quanto riguarda il bassissimo tasso di disoccupazione sono il Regno Unito e la Germania, l’unica nazione presente nell’ euro-zona in continua crescita.

Da: QUI


Articolo letto: 390 volte
Categorie: , Esteri, Lavoro


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi della disoccupazione in Italia?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Verace

04/03/2017 01:14:49
Cara S... Quinzia, 6 una indecente razzista. in Asia e Africa quasi tutti sanno parlare inglese e lo capiscono. Ad iniziare dalle prostitute nigeriane e gli ambulanti bengalesi. Pensa ke noi abbiamo un di Pietro che non sa parlare italiano, un Di Maio che sbaglia i congiuntivi ed essendo un falso web master o cmq senza clienti (reddito 0) non sa nepure leggere le mail. E pure Giggino De Magistris parla come un pescivendolo. Ed il giudice Esposito, quello della condanna x S. B ? Un guitto da filodrammatica di terz' ordine. E pure Bossi, Razzi e Scilipoti non scherzano !
1

Paolo

03/03/2017 11:32:07
Si le aziende piangono sempre e preferiscono assumere personale straniero per stipendi più bassi, e noi italiani passeggiamo i viali e facciamo la fame.
6

Quinzia

03/03/2017 11:23:24
Scommetto che l'azienda in questione non cerca "risorse" provenienti dall'Africa che non sanno ne leggere ne scrivere e hanno poca voglia di lavorare, ma gente in grado di fare lavori complessi, di responsabilità e che riochiedono capacità intellettuali, istruzione e voglia di lavorare.
5

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook