In un editoriale in prima pagina a firma del direttore Alessandro Sallusti, il quotidiano dell'ex Cavaliere se la prende con il leader del Carroccio

Napoli
06:30 del 14/04/2018
Scritto da Samuele

“Occhio al confine tra un legittimo rinnovamento e un tradimento. Sono certo che Salvini, anche per il suo bene, sappia esattamente dov’è e mi auguro non lo attraversi”. L’avvertimento al leader del Carroccio, il giorno dopo il secondo giro di consultazioni al Quirinale, arriva da il Giornale di Silvio Berlusconi.

In un editoriale pubblicato in prima pagina, il direttore Alessandro Sallusti fa risaltare il fatto che nessuno dal fronte della Lega ha difeso l’ex Cavaliere di fronte agli attacchi dell’ex deputato M5s Alessandro Di Battista che l’ha definito “il male assoluto”. “Tacere sugli insulti e annuire a chi insulta e umilia la tua storia e i tuoi padri non è un buon inizio di una nuova stagione”, si legge. Il riferimento è appunto alle parole del grillino, che nelle scorse ore sono state condannate da vari esponenti di Forza Italia, ma non dal Carroccio. “Di Battista è un cretino assoluto“, scrive Sallusti. E continua: “Senza memoria non si va da nessuna parte”. “Stupisce che la Lega lasci scivolare quella frase come acqua fresca”. Per poi citare tutti i motivi per cui Salvini e la Lega dovrebbero essere grati a Silvio Berlusconi. Insomma un avvertimento che entra direttamente nelle trattative di queste ore in vista della formazione di un governo, mentre i 5 stelle chiedono alla Lega di mollare Forza Italia e il rapporto Di Maio-Salvini si va rafforzando.

Il tono di avvertimento ricorda i tempi di Gianfranco Fini presidente della Camera, quando, era luglio 2010, in piena rottura tra i due leader, il Giornale allora guidato da Vittorio Feltri aveva condotto la campagna sulla casa di Montecarlo. E una serie di editoriali con messaggi espliciti del direttore, del tipo: “Oggi tocca al premier, domani potrebbe toccare un presidente della Camera, è sufficiente per dire ripescare un fascicolo del 2000 su faccende a luci rosse riguardanti personaggi di Alleanza Nazionale per montare uno scandalo, meglio non svegliare il cane che dorme”. Senza dimenticare che a queste parole seguì una vera e propria campagna contro il presidente della Camera con, tra gli altri, il dossier del 28 luglio (“Fini, la compagna, il cognato e una strana casa a Montecarlo”).


Oggi il quotidiano di Berlusconi si occupa invece di Salvini. Ancora una volta l’alleato non allineato diventa oggetto delle attenzioni dell’house organ di famiglia. La colpa di Salvini, nel racconto di Sallusti, è di non essere intervenuto in difesa del leader di Forza Italia di fronte alle parole dei 5 stelle e soprattutto quella di continuare a farsi corteggiare dai grillini. “Silvio Berlusconi“, scrive, “anche se probabilmente lui lo crede, non è un santo. Ma quella stupida frase ‘è il male assoluto’, grida vendetta e mi stupisce che la Lega, che con i Cinquestelle vorrebbe trattare un governo, la lasci scivolare come acqua fresca, salvo poi prendersela con Berlusconi per il suo fuoriprogramma Al Quirinale sulla ‘non democraticità dei grillini'”. Quindi si rivolge al Carroccio: “Senza memoria non si va da nessuna parte”, si legge nell’editoriale, “e la memoria dovrebbe ricordare che se Berlusconi non avesse, tanti anni fa, accolto in casa sua la Lega (un’altra Lega, ma pur sempre la Lega), oggi probabilmente il Carroccio sarebbe ancora arroccato nelle valli bergamasche e bresciane a urlare ‘secessione’. E’ stato da ‘male assoluto’ portare Bossi, Maroni, Calderoli e tanti altri nelle stanze di regia del Paese? Lo è stato allearsi nelle regioni del Nord con la nuova Lega di Salvini spianando così la strada della sua ascesa?”.

Per il Giornale il “cretino assoluto” Di Battista ha offeso con le sue parole tutti quelli che sono in debito con Forza Italia. “Il disoccupato Alessandro Di Battista, leader in esilio dei Cinquestelle”, è stato l’esordio, “ha detto nelle scorse ore che il suo partito non può allearsi con Silvio Berlusconi perché lui e Forza Italia sono il male assoluto. Contro un cretino assoluto quale è Di Battista non c’è difesa, ma sull’argomento sarebbe interessante interpellare i tanti che in vita hanno incrociato il presunto mostro e non solo non sono morti ma sono vivi e vegeti”. Quindi l’elenco: “Mi riferisco alle migliaia di dipendenti Mediaset e alle loro famiglie che grazie a Berlusconi hanno trovato negli anni lavoro e serenità; alle centinaia di artisti che sulle tv del Biscione hanno potuto dare liberamente sfogo ai propri talenti; alle migliaia di scrittori di ogni sensibilità e orientamento ideologico (compreso il cretino assoluto) Di Battista che in Mondadori hanno trovato un editore attento e prestigioso”.

Da: Il Fatto


Articolo letto: 231 volte
Categorie: , Denunce, Politica


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook