Laurea, serve davvero per trovare un posto di lavoro? Facciamo una critica ai giovani italiani e soprattutto ai loro genitori

Piacenza
10:12 del 21/02/2015
Scritto da Gerardo

L’italiano medio non vuole lavorare. Dal dopoguerra in poi gli Italiani hanno goduto, nonostante tutto, di un benessere sempre maggiore, per cui ogni generazione dava per scontato di avere un lavoro migliore, meno faticoso e più retribuito di quello della generazione precedente. Se tuo padre faceva l'operaio, tu puntavi a fare l'impiegato, e se faceva l'impiegato puntavi a fare il dirigente. Adesso la situazione è cambiata, per la prima volta una intera generazione si trova a dover fare lavori di livello inferiore a quello dei propri genitori, e questo ovviamente non è facile da "digerire".

Sicuramente l’italiano medio, al momento, non ha voglia di lavorare a certe condizioni. Al momento. Sono sessant' anni che ci si aspetta sempre di più. Adesso siamo nella fase discendente della parabola. Se da un lato le aspettative dei giovani di oggi sono superiori a quello che il sistema economico italiano offre è anche vero che il sistema italiano potrebbe offrire di più. Non dovremmo competere con i Paesi ex comunisti sui costi del lavoro ma dovremmo competere con Svizzera e Co sulla produttività, sull' innovazione, ecc.

Certo che non si può pretendere di trovare il lavoro per cui si è studiato, questo Paese offre anche troppo ai laureati in giurisprudenza vista la nostra iperburocrazia e l'eccessivo ricorso alla giustizia civile. Forse Giurisprudenza non è la facoltà più utile al sistema produttivo. Non che sia un dovere il "piegarsi al sistema produttivo". Però oggi, in Italia, un lavoratore prende al netto più o meno la metà di quanto non costi all' azienda.

Questo vuol dire che si deve produrre valore aggiunto per oltre il doppio di quanto si guadagna. Tutto questo ovviamente non dipende solo dal lavoratore ma anche dall'azienda e dall'ambiente in cui essa opera. Oggi lo stato italiano, oltre a prendersi metà di quanto l' azienda spende per la tua paga, rende l' ambiente inospitale, improduttivo. Quindi il primo obiettivo per guadagnare meglio e in più persone è quello di rendere la PA nostrana meno depressiva. Questo però non toglie che, anche in un sistema efficiente, difficilmente diecimila laureati all' anno in "Minchiologia Inapplicabile" possano tutti trovare un lavoro con retribuzione "da laureato".

I posti di lavoro ci sono, solo che non ci sono concorsi perchè funzionano tutti per raccomandazione. Chi lavora quindi poi si trova a lavorare il doppio per i raccomandati, con uno stipendio che non gli permette di vivere degnamente o di avere prospettive. E qui, infatti, scatta la schiavitù moderna, ed entrano gli Immigrati (ed al governo fanno molto, molto comodo). La verità è anche che i nostri genitori, votando le classi dirigenti più vergognose d'Europa, hanno tratto dei benefici ma hanno venduto un'intera generazione. E’ giusto andare a spaccarsi il sedere per una generazione che ci ha venduto ufficialmente? Noi non crediamo.


Articolo letto: 1063 volte
Categorie: Economia, Lavoro


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi della laurea e degli italiani svogliati?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Mario

21/02/2015 10:16:27
Non ci sono lavori che gli italiani non vogliono più fare ma ci sono stipendi che gli italiani non vogliono più - e giustamente direi - percepire. gli immigrati invece sono disposti a prendere stipendi da miseria perchè per loro sono sufficienti ma al tempo stesso creano una concorrenza sleale nell'offerta(che in pratica è la domanda) di lavoro... in poche parole gli immigrati stanno ai lavoratori come i prodotti cinesi stanno ai prodotti normali.
6

Carmine

21/02/2015 10:16:13
Il problema è che certi lavori non sono lavori ma sono riduzione in schiavitù, tipo raccogliere pomodori a 2 euro l ora. O anche le badanti: non sono certo schiave o cose simili, ma abbandonano la famiglia, una donna italiana come può abbandonare i figli per vivere 24 ore con una vecchia? Dovrebbe poi pagare qualcun altro per far crescere i figli?
5

Giuseppe

21/02/2015 10:16:02
L'imprenditore preferisce avere un immigrato sottopagato e con la costante paura del mancato rinnovo del permesso di soggiorno: lo controlla meglio, non ha problemi coi sindacati, se gli chiede di lavorare 18 ore ma ne paga 10 quello lo fa senza battere ciglio!
5

Stefano

21/02/2015 10:15:50
Giro per la campagna della Piana di Catania ( questa è la città dove vivo) e vedo migliaia di lavoratori immigrati . Quasi tutti clandestini. Lavorano nella tenute agricole. Guadagnano non pochissimo , circa 5 euro l'ora, che per 7 ore fanno 35 euro. Non è, ripeto , pochissimo. Si può vivere con 35 euro al giorno.
4

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook