L’Efsa (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) ha stilato un rapporto in cui valuta i livelli di acrilammide e di altre sostanze nocive nel cibo (2015-2016).

Bologna
10:30 del 09/11/2017
Scritto da Luca

L’Efsa (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) ha stilato un rapporto in cui valuta i livelli di acrilammide e di altre sostanze nocive nel cibo (2015-2016). L’acrilammide è la conseguenza di alcuni amminoacidi e zuccheri che, reagendo ad alte temperature producono la particolare sostanza caratteristica quando la cottura supera oltre i 120°.

Il caratteristico colore dorato di pane tostato, prodotti da forno come i classici cornetti da bar, patate fritte, patate al forno, caffé, sostituti del caffé, oltre a risultare invitate, nasconde in realtà la dimostrazione fisica immediata della presenza di acrilammide.

Diversi studi hanno evidenziato che l’acrilammide e la glicidammide (ovvero il suo prodotto metabolico principale), possono risultare potenzialmente neurotossici, genotossici e cancerogeni per l’organismo umano, sopratutto per l’apparato riproduttivo.

La presenza di acrilammide è facilmente riscontrabile nelle patatine fritte confezionate e persino nei chicchi di caffè in quanto tostati ad alte temperature. La stessa cosa è riscontrabile anche in molti tipi di dolciumi, come i biscotti.

Da: QUI


Articolo letto: 114 volte
Categorie: , Denunce, Salute


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook