LA VERGOGNOSA LOTTA AL CONTANTE DEL GOVERNO PD M5S - Dite addio ai contanti.

Bologna
07:42 del 22/10/2019
Scritto da Passa

LA VERGOGNOSA LOTTA AL CONTANTE DEL GOVERNO PD M5S - Dite addio ai contanti. Il governo ha iniziato la sua crociata contro il cash. I giallorossi vogliono inseguire gli evasori usando il tracciamento dei pagamenti.

E da qui nasce l'idea di abbassare il tetto per l'uso del contante. Una mossa per incentivare i pagamenti con le carte e dunque avere un archivio fiscale più completo col quale mettere nel mirino i furbi. Ma questa volta l'esecutivo giallorosso usa la mano pesante. Infatti nell'ultimo vertice di maggioranza è stata messa sul tavolo la proposta di abbassare a 1000 euro il tetto per l'uso del cash. Una soglia che di fatto riporta il Paese ai tempi di Monti.

La lotta alla moneta contante è, indubbiamente, l’aspetto più vergognoso di questa manovra economica che PD e Movimento 5 Stelle stanno portando avanti per difendere gli interessi dei ricchi. Non proviamo alcun simpatia per Matteo Renzi, ma non possiamo nascondere il fatto che Italia Viva sia l’unico partito di Governo che stia provando a difendere i ceti più deboli.

Ci sarebbe in verità anche il Ministro della Salute-Sanità, Roberto Speranza, che aveva proposto ‘abolizione del super-ticket. Ma è stato liquidato con la promessa che dell’abolizione del superticket nella sanità se ne parlerà nel settembre del prossimo anno: della serie, chi di Speranza vive di Speranza…


LA VERGOGNOSA LOTTA AL CONTANTE DEL GOVERNO PD M5S - Contrariamente a quello che dicono, il Parlamento italiano si appresta ad esaminare non una manovra economica espansiva, ma una manovra recessiva e speculativa. A pagare saranno, in generale, tutti i cittadini italiani con una serie di tasse e imposte occulte. Poi ci saranno i cittadini che pagheranno di meno e cittadini che pagheranno di più.

Ma in questa fase quello che vogliamo segnalare ai nostri lettori è la vergogna della lotta alla moneta contante. La tesi che la lotta alla moneta contante serve per ridurre l’evasione fiscale è una sonora fesseria!

Come scriviamo spesso, le banconote e le monete rappresentano, sul totale della liquidità in circolazione in Italia, sì e no il 7-8 per cento, contro il 93 per cento di moneta elettronica creata dalle banche. Di conseguenza, contrariamente a quello che cercano di farci credere, con l’eliminazione del contante non si combatte l’evasione fiscale.

L’evasione fiscale si combatte andando a incidere sul 93% di moneta elettronica: è in questa montagna di soldi che si annida l’evasione fiscale (e anche l’elusione fiscale).

Proviamo allora a capire quali sono i motivi per i quali PD e grillini soprattutto hanno imposto questo odioso provvedimento.

Il primo motivo è legato agli interessi dei banchieri. PD e grillini vogliono spingere gli italiani a utilizzare di più il bancomat e la carta di credito. Ma non lo stanno facendo dopo aver eliminato le commissioni per le banche. Le commissioni per le banche restano. Spingendo i cittadini ad utilizzare di più bancomat e carta di credito, il Governo punta solo a far guadagnare di più le banche!

Ma c’è un’altra motivazione dietro questo provvedimento. La Grande distribuzione organizzata – che è espressione del grande capitale e che in italia è ormai solo in parte italiana – vuole eliminare completamente il commercio artigianale. Soprattutto nel settore agroalimentare.

In Italia, negli ultimi anni, tra i consumatori è cresciuta la cosiddetta consapevolezza alimentare.

I cittadini italiani, piano piano, stanno cominciando a capire che la pasta industriale è fatta in buona parte con il grano canadese: e molti italiani non vogliono mangiare la pasta prodotta con il grano canadese e si rivolgono sempre di più ai piccoli pastifici che lavorano il grano duro locale.

Insomma: il messaggio che esiste una pasta più buona di quella industriale è passato: e tantissimi consumatori italiani cercano la pasta artigianale: e c’è anche chi, almeno una volta alla settimana, la pasta la prepara in casa. Fette di mercato tolte ai Centri commerciali, dove la pasta industriale, ormai, “ce la tirano in testa”…

LA VERGOGNOSA LOTTA AL CONTANTE DEL GOVERNO PD M5S - Fino a qualche anno fa il prezzo di un kg di pasta industriale non scendeva mai sotto 1 euro. Oggi anche le marche di pasta industriale ‘rinomate’ vendono sotto l’euro, mentre la pubblicità con la quale ci dicono che la pasta è fatta con grano duro “rigorosamente italiano” è aumentata (ma non ci crede nessuno!).

Anche perché  arriva la verità: e la verità è che, in un anno, l’importazione in Italia di grano canadese è aumentata di sette volte! E allora…

Interessante quello che sta succedendo con la frutta e gli ortaggi. Il messaggio che la frutta e gli ortaggi venduti nei centri commerciali arrivano per lo più da Paesi lontani (Africa, Cina, Asia) è passato. Ed è passato anche il messaggio che questa frutta e questi ortaggi potrebbero contenere pesticidi e, in generale, veleni chimici che in Italia sono banditi da decenni perché dannosi per la salute umana.

Morale: tantissimi italiani cercano alternative. Così sono in aumento orti e frutteti periurbani. E si vanno sempre più diffondendo i Mercati contadini nelle città grandi, medie e piccole. Per non parlare dei cittadini che cominciano a recarsi nelle direttamente nelle aziende agricole per acquistare i prodotti.

Insomma: il messaggio del Km zero è passato. Ed è un messaggio che non piace alla Grande distribuzione organizzata: soprattutto ai grandi Centri commerciali tedeschi e francesi che sono piombati in Italia per vendere agli italiani prodotti agroalimentari tedeschi e francesi (e per fare fallire gli agricoltori italiani).

L’operazione di francesi e tedeschi, però, sta fallendo miseramente. Non solo perché gli italiani – come già accennato – vanno alla ricerca del prodotto a Km zero e sono sempre più interessati ai Mercati contadini, ma anche perché, quando entrano in un Centro commerciale, i consumatori italiani cominciano a scartare i cibi esteri, preferendo quelli italiani.

Il fatto che l’agricoltura italiana, benché messa in ginocchio dalla globalizzazione dell’economia, non sia ancora fallita non piace a chi la vuole smantellare. E la tendenza che abbiamo provato a descrivere – la pasta locale al posto della pasta industriale, i formaggi locali preferiti a quelli esteri, la frutta e gli ortaggi acquistati presso i Mercati contadini o presso le aziende agricole – non piace all’Unione Europea dell’euro che deve distruggere l’agricoltura italiana.


Articolo letto: 482 volte
Categorie: , Denunce, Economia, Politica


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook